Moni Ovadia La musica della memoria

Oylem Goylem

Moni OvadiaQuattro appuntamenti con il teatro di Moni Ovadia, ideatore, regista, attore e capocomico di un “teatro musicale” assolutamente peculiare. È il ciclo di spettacoli che Rai Cultura dedica all’artista, in onda ogni sabato in prima serata dal 1° al 22 giugno su Rai5. Filo conduttore degli spettacoli – ma anche della vastissima produzione discografica e libraria di Moni Ovadia – è la tradizione composita e sfaccettata, il “vagabondaggio culturale e reale” proprio del popolo ebraico, di cui egli si sente figlio e rappresentante, quell’immersione continua in lingue e suoni diversi ereditati da una cultura che le dittature e le ideologie totalitarie del Novecento avrebbero voluto cancellare, e di cui si fa memoria per il futuro.

Oylem Goylem

Primo appuntamento è lo spettacolo “Oylem Goylem”, in onda questa sera alle 21.15 su Rai5. La lingua, la musica e la cultura Yiddish, quell’inafferrabile miscuglio di tedesco, ebraico, polacco, russo, ucraino e romeno, la condizione universale dell’Ebreo errante, il suo essere senza patria sempre e comunque, sono al centro di Oylem Goylem. Si potrebbe dire che lo spettacolo abbia la forma classica del cabaret comunemente inteso. Alterna infatti brani musicali e canti a storielle, aneddoti, citazioni che la comprovata abilità dell’intrattenitore sa rendere vivaci. Ma la curiosità dello spettacolo sta nel fatto di essere interamente dedicato a quella parte di cultura ebraica di cui lo Yiddish è la lingua e il Klezmer la musica.

Autore e interprete di Oylem Goylem è lo stesso Moni Ovadia

Accanto a lui i musicisti danno vita ad una rappresentazione basata sul ritmo, sull’autoironia, sull’alternanza continua di toni e di registri linguistici, dal canto alla musica; una grande carrellata di umorismo e chiacchiere, battute fulminanti e citazioni dotte, scherzi e una musica che fa incontrare il canto liturgico con le sonorità zingare. Uno spettacolo che “sa di steppe e di retrobotteghe, di strade e di sinagoghe“. Tutto questo è ciò che Moni Ovadia chiama “il suono dell’esilio, la musica della dispersione“: in una parola della diaspora. La musica Klezmer deriva dalle parole ebraiche Kley Zemer, che si riferiscono agli strumenti musicali (violino ed archi in genere e clarinetto) con cui si suonava la musica tradizionale degli Ebrei dell’est europeo a partire all’incirca dal XVI secolo.


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .