Orchestra Rai Omaggio a Severino Gazzelloni

Nel programma il Concerto per flauto e orchestra di Petrassi

KubrickCelebra il grande flautista Severino Gazzelloni nel centenario della nascita il terzo e ultimo appuntamento di Rai NuovaMusica, la rassegna dell’ Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai dedicata al repertorio contemporaneo. Il concerto, in diretta questa sera alle 20.30 su Radio3 dall’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino con diretta su Radio3, rende omaggio al grande musicista, primo flauto dell’ Orchestra Sinfonica di Roma della Rai per oltre trent’anni e pioniere della riscoperta moderna dello strumento in Italia e nel mondo, con il Concerto per flauto e orchestra di Goffredo Petrassi, interpretato dalla prima parte dell’Orchestra Rai Giampaolo Pretto.

Giampaolo Pretto

«Vicino ai più illustri nomi dell’avanguardia come Berio, Fukushima o Maderna, Gazzelloni ha affrontato deliberatamente ogni tipo di repertorio, dal barocco alla musica popolare (compresi i duetti con Mina), nella continua ricerca di affermare il proprio strumento come una chiave capace di aprire ogni orecchio. Nel Concerto Petrassi gli affida una parte impervia e densa di cadenze proprio per sottolineare l’approccio istrionico e virtuoso di questo grande interprete». 

Il podio

Sul podio, il giovane Aziz Shokhakimov che nel 2010, a soli 22 anni, ha conquistato il secondo premio alla Gustav Mahler International Conducting Competition di Bamberga, iniziando così una carriera che l’ha portato alla testa di orchestre come la Staatskapelle di Dresda, la Deutsche Kammerphilharmonie di Brema e la London Philharmonic Orchestra. Vincitore di prestigiosi premi, fra cui il “Salzburg Festival Young Conductors Award”, dal 2015 è Kapellmeister della Deutsche Oper am Rhein e dal 2006 Direttore principale dell’Orchestra Sinfonica Nazionale dell’Uzbekistan. 

L’avvio

In apertura di programma Shokhakimov propone anche Verwandlung III (“Metamorfosi III”) per orchestra di Wolfgang Rihm (1952), autore contemporaneo fra i più eseguiti al mondo e principale esponente della corrente denominata Neue Einfachheit (Nuova Semplicità). Terzo episodio di un ciclo di musica per orchestra che dal 2002 al 2014 Rihm ha dedicato in sei parti all’immagine della trasformazione, Verwandlung III è stata tenuta a battesimo dalla Staatskapelle Weimar diretta da Carl St. Clair nel 2008.
Chiude la serata il poema sinfonico Pelleas und Melisande op. 5 di Arnold Schönberg, ricavato dal dramma simbolista di Maurice Maeterlinck, con cui l’ Orchestra Rai prende parte al Festival Espressionismo, in programma a Torino dal 22 febbraio al 29 marzo. 


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .