Tele Matera 2019 Edoardo Camurri racconta la Capitale Europea della Cultura

Per seguire gli eventi organizzati per l’occasione

MateraL’inaugurazione del 19 gennaio di Matera Capitale Europea della Cultura con 2019 musicisti di bande provenienti dai comuni della Regione – e da varie parti d’Italia e d’Europa – che con il loro entusiasmo hanno creato un grande coinvolgimento. Parte da questo evento il viaggio di Edoardo Camurri e “Tele Matera 2019”, il nuovo programma di Rai Cultura in onda questa sera alle 19.30 su Rai Storia.

La prima puntata

Firmato dallo stesso Camurri e Michele De Mieri, per la regia di Fedora Sasso, il programma seguirà ogni mese, fino a dicembre, gli eventi organizzati in occasione di Matera Capitale Europea della Cultura. 
Nella prima puntata, Camurri racconta la città di pietra nata 20 mila anni fa, plasmata nella roccia calcarea, la Matera definita “vergogna” e caso nazionale, oggetto di studi da Carlo Levi ad Adriano Olivetti, poi risorta come capitale della cultura. Con lui, Pietro Laureano, architetto e artefice della rinascita, che parla del lavoro svolto, dell’iscrizione nel Patrimonio Unesco, del passaggio dal degrado alla bellezza; e il compositore Stefano Bollani che con l’arrangiamento del suo “Carosello” ha segnato la diretta di Rai1, rendendo omaggio al maestro Raffaele Gervasio compositore e storico direttore del conservatorio materano, autore della musica del Carosello nazionale.

E Rocco Papaleo

L’attore e regista lucano Rocco Papaleo parla, invece, del suo rapporto con la città, dei grandi spazi, del senso di avventura e dell’intenso rapporto con la natura che gli trasmette, mentre Paolo Verri, direttore generale della Fondazione Matera 2019, invita a perdersi nella cultura, sempre con nuove aperture, spazi e idee. 


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .