Rai Programmazione per il 70° Anniversario della Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo

Ad Salini Impegno costante del Servizio pubblico per la diffusione dei valori fondamentali

Prix ItaliaRai . La Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, approvata dall’ONU il 10 dicembre 1948, compie settant’anni. Il documento rappresenta un riferimento essenziale per l’educazione interculturale: è costituita da un preambolo e da trenta articoli che fissano valori cardine come l’uguaglianza, la libertà e la dignità di tutti gli uomini, il diritto al lavoro, all’istruzione e l’irrilevanza di distinzioni di razza, colore, religione, sesso, lingua e opinione politica. Pur essendo priva di effetti obbligatori per gli Stati, avendo piuttosto il valore di una “raccomandazione” internazionale, la Dichiarazione ha comunque ispirato le carte costituzionali di tanti Paesi per il riconoscimento dei diritti inviolabili. Per ricordare tutto questo l’Azienda Rai dedica all’anniversario un palinsesto speciale.

L’Amministratore Delegato Fabrizio Salini 

La Rai ha sempre dato, e continuerà a dare, grande importanza ai valori fondamentali, diffondendoli in tutte le parti della società – dichiara – Il settantesimo anniversario della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo ci ricorda che l’uguaglianza, la libertà e la dignità di tutti gli uomini, nessuno escluso, sono le sole strade che possono portarci ad una società inclusiva, solidale e rispettosa e su queste tematiche assicuro che la Rai sarà sempre in campo”.

Le programmazioni

Rai 1 se ne occuperà, lunedì 10 dicembre, con “Uno Mattina” e la “Vita In Diretta” che dedicheranno ampi spazi di approfondimento alla Dichiarazione e al contesto storico in cui è nata, oltre all’importanza che riveste ancor oggi in tutto il mondo. Su Rai2 si partirà invece, domenica 9 dicembre, con “Generazione Giovani” condotto da Milo Infante e, a seguire, lunedì con “I Fatti Vostri”.

Su Rai 3 andrà in onda una puntata speciale di “Blob” domenica 9 dicembre e lunedì invece, alle 15 circa, sarà trasmessa a cura di Rai Parlamento, dall’Aula di Palazzo Madama, la cerimonia finale dell’iniziativa “Testimoni di diritti”, dedicata agli studenti delle scuole secondarie di primo grado. A seguire, alle 17, “Geo” ospiterà Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia, con cui si farà il punto sulla situazione dei diritti umani.

L’informazione

Tutte le testate dedicheranno ampia copertura informativa al settantesimo anniversario della Dichiarazione. Molte le iniziative editoriali della TgR che darà notizia degli eventi sul territorio con approfondimenti, interviste e collegamenti in diretta. Rainews24 dedicherà alla ricorrenza la rubrica “Cronache dal mondo”, oltre a servizi e interviste nelle varie edizioni del telegiornale.
Su Rai Storia domenica andrà in onda “Imperdonabile”, un documentario che racconta la guerra civile del Ruanda attraverso la testimonianza di una sopravvissuta al genocidio, che determinò in circa 100 giorni l’uccisione di più di un milione di esseri umani. Lunedì, invece, “Il giorno e la storia” ripercorrerà gli avvenimenti che hanno portato alla firma a Parigi della Dichiarazione.

Rai Scuola

Il portale Rai Scuola propone un’intervista, realizzata in occasione del World Philosophy Day 2018, alla professoressa Marialuisa Lucia Sergio, docente di Storia Contemporanea presso il Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università Roma Tre, che interviene sulla “Storia dei diritti umani: evoluzione e crisi di un paradigma”. Nello spazio del portale dedicato alle gallery fotografiche, inoltre, una carrellata di venti scatti, in bianco e nero e a colori, tratte dagli archivi dell’Onu per l’allestimento della mostra “Human Rights.

La radio

Per quanto riguarda la radio, Radio3 il 10 dicembre dedicherà una programmazione speciale, il titolo scelto è “Il giorno dei Diritti”. Alle 11 ci sarà una puntata di “Radio3mondo” dedicata a questo tema; “Tutta la città ne parla” avrà come ospite in studio lo storico Marcello Flores, mentre “Fahrenheit” seguirà le maggiori iniziative dedicate alla giornata.

Tante trasmissioni dedicano già da tempo approfondimenti di avvicinamento alla ricorrenza. “Pantheon” ha iniziato a occuparsene lo scorso 3 novembre e proseguirà fino al 29 dicembre, tutti i sabati alle 18, proponendosi di far conoscere il documento, la storia che ha alle spalle, il contesto che lo ha reso possibile e soprattutto i valori che incarna e l’eredità che affida al mondo. Il ciclo è condotto dal direttore Marino Sinibaldi con lo storico Marcello Flores e Anna Maria Giordano. Da ricordare anche l’iniziativa natalizia “La Biblioteca dei diritti”, che va in onda due volte al giorno all’interno di “Fahrenheit” e di “Radio3Suite” dal 1° al 31 dicembre.

Numerosi i grandi autori

Una biblioteca immaginaria in cui, attraverso la voce di scrittori, poeti, saggisti, scienziati, uomini e donne del mondo dello spettacolo, si presenta un testo sulla tutela di valori etici e civili. Tante le scelte interessanti e sorprendenti: dal Decameron di Boccaccio raccontato da David Riondino all’epistolario di Boris Pasternak, Marina Cvetaeva, Rainer Maria Rilke proposto da Mariagrazia Calandrone, da I Miserabili di Victor Hugo suggerito da Bianca Pitzorno a L’origine delle specie di Charles Darwin nella lettura di Stefano Mancuso, fino a La lingua del terzo Reich di Victor Klemperer nelle parole di Gianrico Carofiglio.
Grande impegno anche da Radio2.

Il Domandone

Già da novembre ogni puntata di “Caterpillar AM” è iniziata con la lettura di uno degli articoli della Dichiarazione Universale e, il prossimo 10 dicembre, la puntata si occuperà della ricorrenza con ospiti e interviste. All’interno del programma, inoltre, nella rubrica “Il Domandone”, andata in onda tra settembre e novembre, il quesito posto agli ascoltatori riguardava proprio la Dichiarazione: “Cosa indica il numero 1509?”. Dopo quasi tre mesi e migliaia di risposte, quella esatta è arrivata da una ascoltatrice della provincia di Trento. 

 

 


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .