Gianluca Vialli lotta contro il tumore

Ha vinto tante battaglie sportive e vincerà anche questa che di sportivo non ha nulla

Gianluca Vialli Ve lo ricordate? Tra i più forti attaccanti del mondo degli anni 1980 e 1990, uomo e giocatore di grande carisma, di nome fa Gianluca Vialli . Ha iniziato a giocare nella Cremonese poi nella Sampdoria e nella Juventus e gli ultimi tre anni di carriera li ha fatti in Inghilterra con la maglia del Chelsea che poi ha anche allenato.

Lo scudetto con Mancini

Con la maglia delle Sampdoria nella stagione 1990/1991 ha vinto lo storico scudetto in coppia con il gemello del gol Roberto Mancini, quest’ultimo ora allenatore dell’Italia.

Gianluca Vialli, 54anni, è un ex allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante. Tra i migliori centravanti degli anni 1980 e 1990, rientra nella ristretta cerchia dei calciatori che hanno vinto tutte e tre le principali competizioni UEFA per club, unico fra gli attaccanti.

I suoi trofei

Vincitore di numerosi trofei in campo nazionale e internazionale, Vialli, è stato capocannoniere dell’Europeo Under-21 anno1986, della Coppa Italia stagione 1988-1989 dove  ha stabilito, con 13 reti, il record assoluto di realizzazioni in una singola edizione del torneo, della Coppa delle Coppe, annata 1989-1990 e della Serie A, stagione 1990-1991. Ha giocato con la maglia dell’Italia i mondiali e gli europei ed ha segnato 16 reti in 59 presenze. E’ iscritto nella Hall of Fame del calcio italiano. In questi ultimi anni lo vediamo spesso in televisione come apprezzato opinionista e come tecnico capace di fare analisi ed interviste puntuali e molto apprezzate.

Ma perché vogliamo parlare di Vialli?

Diciamo subito che il tema non è il calcio, stavolta si parla di qualcosa di molto serio, si parla di vita.                                                                                                                                                                                 Vialli, di recente ha pubblicato un libro: Goals 98 storie + 1 per affrontare le sfide più difficili. La 99° storia è quella di un tumore che lo ha colpito, i più informati dicono alla cistifellea con conseguenti cure di chemioterapia.

Così Vialli

Ti prende come un senso di vergogna, come se quel che ti è successo fosse colpa tua. Giravo con un maglione sotto la camicia perché gli altri non si accorgessero di nulla”, e prosegue: ”Non ho ancora la certezza di come finirà la partita; l’importante non è vincere ma  pensare in modo vincente”.

Una battaglia difficile

Adesso Vialli sta meglio; ha voglia di combattere con forza questa battaglia. Sarà una battaglia difficile, incerta e per ora non ci sono né vincitori né vinti ma il tumore può essere sconfitto e Vialli ha visto tanti campioni di calcio e di sport combattere questa malattia ed uscirne vincenti.

Vialli ha vinto tante battaglie sportive e siamo certi che un’altra vittoria, stavolta della vita, sia in grado anche questa di vincerla e di aggiungere così un’altra meravigliosa stella al suo meraviglioso palmares.

 

 


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .