Editors Dopo il successo di Torino una data a Bologna per la band inglese

Reduce dal successo dell’ultimo album Violence il gruppo ha venduto oltre 2 milioni di dischi nel mondo

Editors Dopo il sold out di Torino all’interno del ToDays Festival, la band inglese Editors torna in Italia per un’unica data a Bologna il 29 novembre per presentare, oltre ai successi degli album pubblicati sino ad oggi, l’ultimo bellissimo lavoro Violence, pubblicato a marzo su Play It Again Sam e acclamato dalla critica internazionale.

 Gli Editors sono una delle band più amate  del rock indipendente mondiale

Tom Smith (chitarra e voce), Chris Urbanowicz (chitarra), Ed Lay (batteria) e Russell Leetch (basso) si conoscono all’Università di Stafford, vicino Birmingham. Nel 2003 danno vita agli Editors e nel 2004 firmano il loro primo contratto discografico con l’etichetta indipendente Kitchenware. Nel 2005, dopo un intenso tour in madrepatria, pubblicano in tiratura limitata il singolo di debutto Bullett: tutto esaurito in un solo giorno. Segue il singolo Munich che in UK entra subito in Top 30, procurando loro le lodi e l’entusiasmo di tutta la stampa inglese .Il terzo singolo Blood non fa altro che confermarne l’ascesa arrivando in Top 20. Nel luglio 2005 finalmente esce il primo album: The Back Room, che li consacra come una delle migliori band emergenti in UK negli ultimi anni. L’album entra in classifica al nr. 13 e conquista i fan di tutta Europa. A inizio 2006 una re-release di Munich non solo regala ai quattro il primo singolo in Top Ten UK, ma sorprendentemente rilancia l’album che arriva un anno dopo l’uscita al n°1 della classifica degli Album vendendo ben 600.000 copie in pochi mesi e aggiudicandosi il disco di platino.

Inizia un lunghissimo tour che li porterà in Europa, Stati Uniti e Giappone, ottenendo ovunque un grande successo 

Nemmeno il tempo di riprendersi dalla sbornia di The Back Room, e rieccoli con un nuovo album: An End Has A Start.  Il nuovo lavoro, ambizioso e appassionante, entra immediatamente al primo posto della classifica inglese, imponendo gli EDITORS come una delle realtà di maggior successo della scena nu-nu-wave britannica, con una nomination per i Brit Awards, nella categoria “Best British Group”.

Nel 2009 arriva ‘In This Light And On This Evening’, album che segna una svolta verso suoni più elettronici (sempre al n°1 in classifica), ma caratterizzato da sonorità più cupe e da un largo utilizzo di synth, come il brano che diventerà il gran finale di tutti i loro concerti: ‘Papillon’ (un grande classico della band che ha totalizzato oltre 90 milioni di streaming).

Il quarto album

Nel 2013 arriva finalmente il quarto album ‘The Weight Of Your Love’ con la nuova e attuale line up che vede Tom Smith, Russell Leetch e Ed Lay affiancati da Justin Lockey e Elliott Williams. Nel 2015 segue il deciso ritorno verso i sentieri new new wave con “In Dream”, quinto lavoro in studio, con la presenza di Bob Mould dietro la consolle, e soprattutto di Rachel Goswell degli Slowdive, che colora con la sua voce tre tracce.

Oltre 2 milioni di dischi venduti nel mondo

Oggi gli Editors sono una delle realtà più acclamate nel rigoglioso panorama britannico, e buona parte del loro successo si deve certamente a Tom Smith che si conferma leader carismatico capace di mutare registro vocale in ogni singolo pezzo e di ammaliare il pubblico con uno stile unico. Con oltre 2 milioni di dischi venduti nel mondo, la band non è disposta ad adagiarsi e continua a vagliare nuove vie. Il nuovissimo album “Violence” pubblicato il 9 marzo 2018 è stato anticipato dalla strepitosa “Magazine”, un brano pop che attacca selvaggiamente le azioni e l’atteggiamento di coloro che sono al potere, e dal bellissimo singolo ‘Hallelujah (So Low)’, acclamato dalla critica internazionale.


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .