Bene la Nazionale Ora torna il campionato

Dopo gli Stati Uniti ritorna l’America degli appassionati del calcio della penisola

ItaliaE’ finita la settimana delle nazionali ed anche in Italia si torna al campionato dopo le gare disputate contro il Portogallo per la Nation League e l’amichevole contro gli Stati Uniti.

La Nazionale italiana conclude 0-0 a San Siro contro il Portogallo senza Cristiano Ronaldo e vince 1-0 contro gli Stai Uniti. Contro i portoghesi, buon avvio degli azzurri, pericolosi con Insigne e Immobile; e dopo aver dominato il primo tempo, la Nazionale cala alla distanza, rischiando qualcosa nel finale. I lusitani, primi del gruppo 3, accedono alla fase finale, la nazionale italiana non retrocede in serie B, tocca alla Polonia.

Contro gli Stati Uniti, la nostra Nazionale ha vinto per 1-0 con rete di Politano, entrato in campo da poco (all’87’), ed ha strameritato la vittoria. Si è giocato in Belgio ed in campo si sono visti tanti giovani (ad esempio, ha esordito in attacco Moise Kean della Juventus, classe 2000, nato a Vercelli).

Un giudizio?

La Nazionale italiana è piaciuta a tutti; da chi l’ha seguita sulle poltrone di casa a chi l’ha vista in un bar, da chi l’ha ascoltata per radio o da chi semplicemente ha atteso le notizie del Tg, dagli addetti ai lavori ai semplici tifosi.

In generale è soprattutto piaciuto il centrocampo, un nome su tutti Verratti, ma brava anche la difesa dove i nostri centrali sono stati impeccabili; a tal proposito vi ricordate le parole di Mourinho: ”Penso che mister Bonucci e mister Chiellini dovrebbero tenere un corso universitario ad Harvard per come difendono, sono due difensori fantastici, davvero”.

Tutto bene?

Direi a metà. In attacco la nostra nazionale non segna, manca chi finalizza, manca un un bomber vero che sappia buttarla dentro.

Mister Mancini, allenatore della nazionale italiana, ha provato, Immobile, Lasagna, poi Politano ed anche il giovane Kean; prima ancora in mezzo all’area avversaria abbiamo visto anche Andrea Belotti e Zaza del Torino ma alla fine il giocatore d’attacco più pericoloso è risultato il piccolo napoletano Insigne, bravo, svelto, affascinante, ma non certo un super bomber.

Penso comunque positivo

Dal punto di vista dei fondamentali davvero si è vista una buona tecnica con diversi giocatori che danno del “tu” alla palla mentre dal punto di vista del gioco, maggiori verticalizzazioni rispetto alle nazionali precedenti e largo ai giovani talenti sulle fasce come Chiesa e lo stesso Barella. Francamente, comunque, abbiamo visto un buon calcio per lunghi tratti.

Il bicchiere mezzo pieno mi fa ben sperare, quello mezzo vuoto mi dice di avere ancora pazienza perché anche tra i più giovani, il vero cannoniere per ora non si vede proprio.

Il Campionato

Ed ora, dopo la Nazionale, è già tempo di campionato. Su tutte le gare, quella di cartello sarà sicuramente Lazio-Milan dove non ci sarà il “pentito” Higuain e si vedrà Immobile contro Cutrone. Le statistiche parlano del 12% di probabilità che vinca il Milan, 25% i valori che abbiamo per il pareggio ed il 63% dei voti danno la Lazio vincente. In testa, comunque vadano le cose, anche dopo questa giornata di campionato, rimarrà sempre la Juventus.


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .