Marina Rocco Nelle sale da oggi con Notti Magiche di Paolo Virzì

Sono una ex ragazza coccodè di Indietro Tutta

Marina Rocco Riccioli biondi che incorniciano il volto, occhi azzurri sorridenti, voce leggera, Marina Rocco , 39 anni ( Tutti pazzi per amore, To Rome with Love, Nessuno si salva da solo) sembra dar vita in carne ed ossa ai ruoli da eterna bambina, bionda un po’ svampita, che i registi  le cuciono addosso.  

« E’ naturale! Non mi dà fastidio. Sono arrivata al mondo senza avere le istruzioni per vivere. Ci ho messo tanto a diventare grande » ci racconta con ironia l’attrice milanese alla Festa del Cinema di Roma per presentare Notti Magiche, l’ultimo film di Paolo Virzì, nelle sale da oggi, in cui si raccontano tutti i miti del cinema italiano degli anni 90, quando erano ancora vivi, potenti e affascinanti.

Marina Rocco

«Sono una ex ragazza coccodè di Indietro Tutta, il programma mito di Renzo Arbore, fidanzata con un produttore potente e molto più grande, interpretato da Giancarlo Giannini – continua – Un personaggio particolare, costruito con costumi, trucco pesante, e Virzì è stato magnifico. Ha grande cura degli attori, anche in un film così ricco di personaggi. C’è passione per quello che fa e la trasmette a tutti, anche al pubblico.»

Stravizzi : Quando è nata la passione per la recitazione?

Marina Rocco «Mi è sempre piaciuto recitare, fin da bambina, ma non è stato un percorso così semplice. Al liceo ho frequentato la scuola di Piero Mazzarella, poi ho provato ad entrare nelle Accademie di teatro,  ma non passavo i provini, niente da fare, così ho smesso. Ho frequentato un po’ l’università, cambiando vari corsi, senza entusiasmo, né convinzione, sentivo che era una strada sbagliata: fino a quando non sono stata chiamata per condurre il programma per bambini La Melevisione su Raitre e da lì, è cominciato tutto

Stravizzi : Il 23 Ottobre al Teatro La Pergola di Firenze ha debuttato in Un cuore di vetro in inverno con la regia di Filippo Timi

Marina Rocco «Nella mia vita esiste un prima e un dopo Filippo Timi. Quando pensavo che mai avrei fatto teatro nella mia vita è arrivato lui, un evento dirompente. Mi ha voluto per partecipare ad un seminario su Amleto, la sua prima regia, da cui poi avrebbe scelto gli attori. Mi ha dato così fiducia, da farmi aprire lo spettacolo con un monologo! Da quel momento non ho più smesso di fare teatro e di lavorare con lui. In un cuore in inverno, Filippo (Timi) interpreta un cavaliere che si prepara alla battaglia ed io sono il suo angelo custode!»


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .