Una Nazionale che piace e un derby della Madonnina in arrivo

Si chiude una parentesi positiva azzurra e si riapre il campionato

ItaliaCosa è successo nel calcio in questo periodo? Diciamo subito che è stato un momento importante.

La Nazionale italiana ha vinto in Polonia, ha segnato nei minuti di recupero, al 93° Biraghi, al suo primo gol in nazionale con dedica ad Astori, dopo una spizzata di testa di Lasagna, che non è un buon primo piatto ma è un giocatore dell’Udinese che solo 4 anni fa giocava nei dilettanti del Cerea e valeva 100.000 euro e ora vale 8 milioni di Euro e gioca in serie A.

La Nazionale ha così evitato la retrocessione in B della Nations League, cosa che toccherà alla Polonia di capitan Robert Lewandowski e cercherà di giocarsi qualche chances per il primo posto, con l’attuale capolista Portogallo.

La cosa più bella e più nuova della nazionale?

E’ salva in Nations, si conferma testa di serie alle euro qualificazioni, evita un Ranking peggiore e dopo un anno senza vincere la nazionale ritrova la vittoria giocando un calcio come non si vedeva da tempo festeggiando splendidamente bene i 120 anni della Figc insieme al capo dello Stato, Mattarella.

Ecco, questo è il nuovo che avanza: il gioco!

Diciamolo francamente. Contro la Polonia ci siamo divertiti. La nazionale ha sbagliato tanto, soprattutto davanti al portiere ma ha anche creato molto, è vero, ha segnato nei minuti di recupero ma la vittoria è strameritata. Tecnicamente abbiamo visto giocate di ottimo livello, verticalizzazioni e movimenti giusti e come personalità siamo stati noi i protagonisti in campo. Poi i vari Chiesa, Bernardeschi, Insigne e Barella, tutti giovani e tutti veramente bravi, hanno raccolto ottimi consensi e applausi. Brava la nostra nazionale e bravo il CT Mancini che si è affidato a soluzioni tattiche nuove (nessuno vero centravanti in campo), palle giocate di prima e verticalizzazioni puntuali, squadra alta e tanto possesso palla.

Ma la Nazionale è passata e positivamente ma ora torna il campionato e ci aspetta il derby della Madonnina

Siamo alla vigilia di Inter-Milan e stavolta non sarà un derby di poche pretese, in campo ci sono squadre che stanno bene, che giocano un bel calcio e che puntano ai primissimi posti in classifica. E poi in campo ci saranno due fuoriclasse di valore mondiale: Icardi e Higuain. Da questi due attaccanti ci si aspettano gol ed emozioni, da loro dipenderà molto questo derby numero 222 (169 in campionato), dove ha vinto di più l’Inter che il Milan.

Nazionale, derby avvincente e dal pronostico incerto e campionato che entra sempre più nel vivo

Ma se ci si vuole avvicinare alla Juventus occorre non sbagliare più, i bianconeri non conoscono per ora la parola sconfitta anche se il campionato è lungo e nel calcio tutto può ancora succedere. E a proposito di Juventus, Marotta ha lasciato la società e Cristiano Ronaldo ha ingaggiato il più costoso avvocato di Las Vegas per le note vicende che lo hanno coinvolto ultimamente. Anche in casa bianconera, in fondo, non c’è un clima tutto così tranquillo.


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .