Anna Calvi strega Roma in una notte indimenticabile

Siamo andati alla opening night di Ō, Musica, Danza e Arte a sentire il concerto della cantautrice inglese

16Anna Calvi Si è aperto il 14 settembre a Roma il festival di Musica, Danza e Arte organizzato da Ō. Fino al 16 dicembre una serie di concerti e performance totalmente gratuite in una scenografia più unica che rara, le Terme di Diocleziano. In questi oltre 3 mesi si esibiranno artisti da tutto il mondo come Omar Souleyman, Adam Naas e appunto Anna Calvi . Siamo andati alla opening night per raccontarvi che sensazione e che sound ci fosse con la formidabile cantautrice inglese in scena.

Anna Calvi è salita sul mini palco preparato nel chiostro centrale del Museo Romano delle Terme di Diocleziano quasi in punta di piedi. Il pubblico si è accorto di lei a poco a poco. Ha imbracciato la chitarra e senza alcuna presentazione, frase o saluto è caduta in trance. È seguita un’ora intensa di grandissima musica.
Anna ritornava timida/usciva dallo stato di trance solo alla fine dei pezzi, in quei brevissimi secondi tra un uno e l’altro, sciorinati a ritmo continuo, per un debolissimo Thank You. Ma la sua voce tornava potente, sicura, avvolgente non appena la musica la richiamava a sé.
E come una bestia feroce, di impronta felina, camminava sicura, indomita verso il suo pubblico, per un attimo sorpreso da questa rottura di una invisibile quarta parete. Fissava gli occhi delle prime file, li squadra a come una tigre con le proprie prede, saliva sui capitelli antichi, vi graffiava contro le corde della propria chitarra. E il pubblico totalmente irretito, sotto il gioco del suo incantesimo, pendeva dalle sue labbra.

Che concerto, che sensazioni, che atmosfera sa creare Anna Calvi. Tre volte perfetta

Uno per la sua voce affabulatrice e sublime, forte e delicata, dolce e tagliente.
Due per i virtuosismi alla chitarra, roba da rimanere a bocca aperta, improvvisazioni di diversi minuti tra suoni stridenti e arpeggi complessissimi. Una gioia per occhi e orecchie.
E tre per aver creato, in una sola ora, una atmosfera unica, surreale, sognante con una musica a metà tra il rock, l’elettronica e l’avanguardia. Un repertorio formato sia da brani del nuovo album Hunter che “cavalli di battaglia” dove hanno spiccato Blackout e Desire.

Uno dei concerti più sorprendenti e belli dell’anno

Per chi volesse avere un primo assaggio o uno ulteriore di Anna, tornerà in Italia per l’Hunter Tour a fine Novembre con date a Parma al Teatro Regio il 21 novembre, a Torino all’Hiroshima Mon Amour il 22 e di nuovo Roma al Teatro Quirinetta il 23.


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .