Revenge Quando Rambo diventa una quota rosa

In sala in questo momento, il rape revenge movie francese con la nostra Matilda Lutz

revengeRevenge di  Coralie Fargeat, al suo debutto con il lungometraggio, è un film francese ascrivibile al genere rape-revenge movie e attualmente nelle sale italiane. Il film è stato prodotto nel 2017, facendo parlare di se in diversi festival, come Toronto, Tallin e il Sundance. Protagonista è la “nostra” Matilda Lutz (L’Estate addosso, I medici) insieme a Kevin Janssens, Vincent Colombe, Guillaume Bouchède unici attori in scena per tutto il film.

Come spiega già abbastanza sufficientemente il nome del genere, racconta di una gita nel deserto andata molto male

Jen viene portata dal suo amante/cliente in una villa molto moderna nel bel mezzo del deserto dove verrà raggiunto da due suoi amici con cui andrà a caccia. Questi si presentano anzitempo e dopo aver scherzato un po’ con Jen, uno dei due la stupra violentemente dopo aver ricevuto un secco no alle sue avances. A nulla servono i tentativi per tranquillizzarla o farle evitare di chiamare la polizia, così i 3 la buttano da un dirupo verso morte certa. Invece riuscirà a sopravvivere e inizierà il suo feroce piano di vendetta.

Coralie Fargeat debutta con il formato lungo con un film e un genere molto complessi

Sia nella realizzazione e sia nella ricezione che può avere il pubblico. Il cinema francese recente ci ha abituato bene con film di pura violenza, gore e sadismo come Raw di Julia Ducournau oppure À l’intérieur di Alexandre Bustillo e Julien Maury. I nuovi cineasti francesi non hanno paura di shockare, di disgustare o peggio. Revenge è un film dove la violenza e il sangue la fanno da protagonisti, dove i dialoghi, almeno dell’eroina solitaria, scompaiono dopo appena 26 minuti per lasciare spazio a urla, spari e squartamenti.

A suo modo è un film femminista, dove una donna indifesa e in minoranza ha la sua vendetta contro uomini porci e misogini. Ripercorre alla perfezione gli stilemi del genere, dettati da un capostipite come Non violentate Jennifer di Meir Zarchi del lontano 1978.

Ma Revenge è anche un film molto godibile, se, ovviamente, si passa oltre le moltissime situazioni impossibili in cui si caccia la povera Jen (una strepitosa Matilda Lutz). Ci sono almeno una decina di scene memorabili con cui delizierete il pasto dei vostri amici nel raccontarle.


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .