Emily Blunt

Mio marito ha visto Il diavolo veste Prada 70 volte

Occhi verdi e Emily Bluntironia british Emily Blunt sembra perfetta per raccogliere la per niente facile eredità di Julie Andrews e indossare i panni della leggendaria tata nel remake Mary Poppins Returns che arriverà in sala in autunno, nel frattempo, l’attrice londinese, è tornata al cinema con A quiet place , horror post-apocalittico diretto dal marito John Krasinski, ( padre delle sue due figlie: Hazel e Violet di 4 e 2 anni) attore, alla sua terza regia. Il film racconta di una famiglia che cerca di sopravvivere all’invasione di creature mostruose e letali, cieche e ipersensibili ad ogni tipo di rumore. Un dramma familiare, perfetto per una coppia nella vita che per la prima volta lo diventa anche sul grande schermo. Una scommessa familiare che sta funzionando molto bene, sia in America dove ha incassato più di 130 milioni di dollari, superando ogni prospettiva che in Italia, dove è appena uscito.

Emily Blunt «Ci conosciamo a fondo – racconta riferendosi al marito – ma non avevamo mai messo alla prova la nostra chimica sul set. Il mio carattere sul lavoro diventa ancora più schietto, diretto, ma per fortuna è andato tutto bene e siamo ancora insieme.»

Anche il ruolo da affrontare in A quiet place  non deve essere stato facile

Emily Blunt «Infatti ho dovuto provare la paura più grande per una madre, quella di non essere in grado di proteggere i propri figli. Di solito interpreto ruoli più leggeri, per questo per darmi forza mi aiutavo con un po’ di whiski, devo confessarlo, anche perché sul set c’era bisogno di stare in silenzio, concentrati

Come si è trovata a essere diretta e recitare insieme a suo marito?

Emily Blunt «John e io ci siamo imposti di usare la stessa diplomazia che adoperiamo quando giriamo con altri registi. Le cose che non credevamo funzionassero o su cui avevamo pareri discordanti, le discutevamo la mattina in macchina o la sera dopo cena. In privato abbiamo sistemato così tanti dettagli che sul set siamo stati capaci di infondere agli altri sicurezza. Non è stato tutto rose e fiori ma collaborare con lui è stata un’esperienza molto gratificante

Adesso con Mary Poppins Returns potrà condividere l’esperienza anche con le sue bambine

Emily Blunt «Si sarà fantastico andare al cinema insieme, anche se la mia tata Poppins è più moderna, misteriosa, irriverente e decisamente meno paziente con i bambini. E’ stato bello tornare a Londra per girare e vestire i panni di un personaggio così mitico, così importante anche per me. Se sono diventata attrice lo devo anche a questo film

Cosa voleva fare da grande?

Emily Blunt «Pensavo di diventare una linguista, come mia madre, poi ad una recita di scuola mi ha notato un professore e così ho cominciato a studiare recitazione ed ho debuttato a teatro a 17 anni accanto a Judi Dench! ( In The Royal Family ) Mi pagavano 400 dollari alla settimana, incredibile. Non avevo mai visto così tanti soldi tutti insieme.»

Anche con suo marito John Krasinski è stato un incontro fortunato e casuale?

Emily Blunt «Mi sono innamorata follemente di lui al primo sguardo. Ero in un ristorante con un amica e ad un certo punto mi ha presentato il suo amico John, da allora non ci siamo più lasciati. Dopo mi ha confessato di essere una specie di fanatico del Il diavolo veste Prada ( dove Emily Blunt era l’assistente di Meryl Streep) “L’ho visto 7o volte “ mi ha detto.»  


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .