Andrea Pazienza Trent’anni senza

La più grande rockstar del fumetto italiano

Andrea PazienzaNell’anno che segna il trentennale della sua tragica scomparsa, avvenuta a Montepulciano il 16 giugno del 1988 all’età di soli 32 anni, si è aperta a Roma presso l’ex Mattatoio la mostra « Andrea Pazienza, trent’anni senza », (dal 25 Maggio fino al 15 Luglio) una straordinaria esposizione di opere originali che celebra il più eclettico e geniale autore italiano di tutti i tempi e che, finalmente, riunisce in un unico luogo le sue eredità artistiche, grazie alla preziosa collaborazione di tutti i suoi familiari; (la moglie Marina Comandini, la sorella Mariella, il fratello Michele) e di alcuni testimoni di grande prestigio quali Vincenzo Mollica, Matteo Garrone e Giampiero Mughini.

Inimitabile e irripetibile

Una mostra che si propone di raccontare soprattutto il talentoinimitabile e Irripetibile ” – come ha dichiarato Roberto Benigni – dell’Andrea Pazienza fumettista, con una particolare attenzione alla nuova generazione di lettori che forse lo conosce poco, e attraverso una ricca selezione della sua opera: da Aficionados e Le straordinarie avventure di Pentothal dei primissimi anni ’80, al suo personaggio più celebre, Zanardi (con le tavole di Giallo scolastico, Verde matematico, Pacco, La prima delle tre, Notte di Carnevale, Cuore di mamma, Cenerentola 1987, Lupi), passando per Tormenta e le caricature disneyane e tanto altro, fino a quello che probabilmente è il più importante graphic novel italiano del XX Secolo: Gli ultimi giorni di Pompeo che lo ha consacrato nell’empireo della letteratura disegnata.

Una mostra rivolta soprattutto alle nuove generazioni

Andrea Pazienza è stato, e lo ancora è, la più grande rockstar del fumetto italiano. Forse l’unica capace di lasciare veramente il segno su diverse generazioni. L’idea dei curatori della mostra è quella di farlo conoscere bene anche ai ragazzi di oggi, quelli cresciuti a manga e videogiochi, che adorano Zerocalcare ma che magari quel fenomeno di Pazienza non sanno davvero chi sia!

Andrea PazienzaA integrazione della narrazione a fumetti, in Andrea Pazienza : Trent’anni senza , non mancano escursioni nel mondo di Paz vignettista e illustratore, con alcune delle sue opere più iconiche, così come qualche rarità (prove di layout, scritti, sketch e bozzetti) ritrovate tra le cartelle del suo immenso archivio artistico. Oltre a  due opere inedite presentate qui in anteprima assoluta: una spettacolare pala in 8 tele di Zanardi , che nel 1983 Pazienza dipinse al Luneur di Roma in occasione della manifestazione Ottovolante – Festival della satira, andata perduta e solo nel 2018 finalmente ritrovata, e il bellissimo ritratto che Paz disegnò nell’aprile del 1986 alla morte dell’amico Stefano Tamburini per la copertina di Frigidaire, che in quel momento Vincenzo Sparagna preferì non pubblicare, ma che oggi, vede nuovamente la luce.

 

INFO PUBBLICO «Andrea Pazienza, trentanni senza»

25 maggio / 15 luglio 2018 – MATTATOIO di Roma (ex MACRO Testaccio) 
piazza Orazio Giustiniani 4, Roma
Orario: 12:30 – 19:30 (chiuso i lunedì).
Biglietti: intero € 12 – ridotto € 10
Info: 060608
www.arfestival.it – info@arfestival.it


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .