Cannes 2018 A Kore-Eda la Palma D’oro ma l’Italia vince con Alice Rohrwacher e Marcello Fonte

Doppia vittoria per l’Italia, premi anche per Panahi, Spike Lee e Godard

CannesA Cannes 2018, non senza una certa dose di sorpresa, vince il giapponese Hirokazu Kore-Eda con il suo Un affare di famiglia (Shoplifters). Prima palma d’oro per il regista nipponico, alla sua sesta partecipazione a Cannes dove aveva già vinto nel 2013 il premio della giuria con Father and son. A decretare il premio la giuria presieduta da Cate Blanchett e composta da Kristen Stewart e Léa Seydoux, i registi Denis Villeneuve, Andreï Zviaguintsev e Robert Guédiguian, l’attore cinese Chang Chen, la sceneggiatrice e regista Ava DuVernay e la cantante Khadja Nin.

Giuria che ha premiato doppiamente anche l’Italia, infatti miglior attore protagonista è stato giudicato Marcello Fonte per il suo ruolo in Dogman di Matteo Garrone. Mentre Alice Rohrwacher ha vinto il premio per la miglior sceneggiatura del suo Lazzaro Felice, a pari merito con Three Faces (Se Rokh) di Jafar Panahi, regista dissidente iraniano. Secondo premio a Cannes per Alice Rohrwacher dopo il primo ottenuto per Le meraviglie, gran premio della giuria 4 anni fa.

Quest’anno invece il grand prix è andato a BlacKKKlansman di Spike Lee, la commedia satirica che denuncia il razzismo in America (qui i maligni rumoreggiano ci sia il voto di Ava DuVernay). Miglior attrice è stata premiata Samal Yeslaymova per Ayka. “Solo” premio della giuria per Capharnaum di Nadine Labaki super favorita dagli esperti per la Palma D’oro negli ultimi giorni insieme a Cold War di Pawel Pawlikowski, che si porta a casa il premio per la miglior regia.
Infine, ennesimo premio in carriera per l’assente Jean Luc Godard, per il suo Le livre d’image, la Palma D’oro Speciale.

Palmares Cannes 2018

Palma d’oro: Shoplifters, regia di Hirokazu Kore’eda
Grand Prix Speciale della Giuria: BlacKkKlansman, regia di Spike Lee
Prix de la mise en scène: Pawel Pawlikowski per Cold War
Prix du scénario: Alice Rohrwacher per Lazzaro Felice ex-aequo Nader Saeivar e Jafar Panahi per Three Faces
Prix d’interprétation féminine: Samal Yeslimova per Ayka
Prix d’interprétation masculine: Marcello Fonte per Dogman
Premio della giuria: Capharnaum, regia di Nadine Labaki
Palma d’oro speciale: Jean-Luc Godard per Le Livre d’Image


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .