Cannes 2018 Il festival si innamora di Lazzaro Felice di Alice Rohrwacher

10 minuti di applausi per il film che ora punta forte ai premi

CannesA Cannes 2018 è arrivato il primo grande film di questa edizione. E si tratta del “nostro” Lazzaro Felice di Alice Rohrwacher, salutato a fine proiezione con una standing ovation da 10 minuti di applausi. Il terzo film della regista (Corpo Celeste e Le meraviglie) già premiata a Cannes nel 2014 con il Grand Prix della giuria ha emozionato e convinto pubblico e critica, tanto che ora è tra le favoritissime per la vittoria finale della palma d’oro.

Lazzaro Felice è una potente metafora sullo sfruttamento dei più deboli e degli ultimi. Nel cast sono presenti Adriano Tardioli, Alba Rohrwacher, Tommaso Ragno, Luca Chikovani, Agnese Graziani, Sergi López, Natalino Balasso e Nicoletta Braschi accompagnata sul tappeto rosso dal marito, Roberto Benigni.

Trama di Lazzaro Felice

Lazzaro è un giovane contadino di 20 anni, dal carattere estremamente buono e semplice, che ha un forte legame di amicizia con Tancredi figlio della marchesa Alfonsina De Luna, donna dal carattere forte e duro, nota anche come “la regina delle sigarette”. La loro amicizia si rafforza ulteriormente quando Tancredi chiede a Lazzaro di aiutarlo ad organizzare il suo stesso rapimento. Il legame di amicizia è talmente forte e prolungato nel tempo da spingere Lazzaro a recarsi per la prima volta nella sua vita in una grande città alla ricerca di Tancredi.

Un film che a qualcuno ha ricordato la poetica di Ermanno Olmi, il regista che ci ha lasciato pochi giorni fa. E’ stata la stessa Alice Rohrwacher durante la conferenza stampa ad affrontare il paragone. “Parlare di Olmi è necessario, doveroso e commovente. Forse non c’è sguardo che mi manca più del suo. Il desiderio di mostrargli questo film era forte, purtroppo non ce l’abbiamo fatta, è un grande maestro e un ‘mastro’ nel senso dell’artigianalità di questo lavoro“.

Per quanto riguarda una possibile chiave di lettura religiosa, la regista ha deto “Lazzaro Felice è certamente un film religioso, ma lo è nel senso preistorico del termine, non so se si può dire, ma parla di una religione pre-religiosa, e comunque la dimensione religiosa è importante nella sua concretezza. Ho cercato di fare un film fatto di corpi, di odori, di persone, di lavori”.

Lazzaro felice uscirà nei cinema italiani il prossimo31 maggio, magari con una palma d’oro in tasca.

Trailer Lazzaro Felice


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .