Il Castello Sforzesco cambia volto e la Soprintendenza approva

Al via il nuovo maquillage del Castello

Castello SforzescoIl Castello Sforzesco, simbolo imponente della città milanese, cambierà il suo volto, per offrire un po’ di spazio alla potenza e alla bellezza della natura.

Un Castello Sforzesco che si rinnova

Il Castello Sforzesco, icona storica della città di Milano, sarà protagonista di un cambiamento, che avrà inizio nel 2021.

Francesco Sforza, diventato signore di Milano nel 1450, trasformò l’austera rocca viscontea, eretta il secolo precedente, nel cardine di tutto il sistema difensivo della città. Successivamente – durante il ‘500 –  passò sotto il dominio spagnolo per poi diventare di dominio asburgico e napoleonico. Lo stesso Napoleone ordinò la distruzione del Castello, ma esso sopravvisse. Egli voleva far posto al Foro Bonaparte, una monumentale corona di edifici, che avrebbe dovuto circondare il Castello; di quell’idea non se ne fece nulla, ma fu ripresa alla fine del XIX secolo, quando ci fu un restauro per opera dell’architetto Luca Beltrami.

La riqualificazione di Piazza Castello è stata affidata ad un concorso internazionale e proprio in questi giorni, la Soprintendenza di Milano ha finalmente dato il via libera al progetto degli architetti Genuizzi, Banal, Strambio e Ragazzo. Il progetto prevede l’espansione del parco, al fine di rafforzare le aiuole e il semicerchio alberato. Lo scopo del bando è di limitare l’area calcestre in Piazza Castello, incentivando la creazione di aree verdi, immerse nell’ambiente urbano.

“Possiamo procedere alla redazione del progetto definitivo per valorizzare quello che, dal Castello a San Babila, rappresenta il più esteso percorso pedonale della città” – queste le parole di Pierfrancesco Maran (Assessore all’Urbanistica).

Quindi Milano, capitale industriale del nostro Paese, da sempre associata all’idea di smog e caos, sta cercando di smussare queste connotazioni lanciando progetti sempre più green, per offrire una molteplicità di ambienti in cui ci si possa rifugiare o in cui si possa trovare un po’ di respiro dal grigiore frenetico della città.

 

 

 


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .