Una mostra gioiello omaggio alla Biennale e a Peggy Guggenheim

L’incontro tra Penny e la città di Venezia omaggiato con una grande mostra

Peggy GuggenheimIn onore dell’anniversario dei 40 anni dalla scomparsa di Peggy Guggenheim , il 25 maggio 2019 Venezia ospiterà una grande mostra dedicata all’indimenticabile artista americana.

Il binomio Peggy Guggenheim – Venezia

Quasi un anno fa Karole Vail, nipote dell’artista Peggy Guggenheim , è ritornata a Venezia in veste di direttrice della Mostra Peggy Guggenheim .

La signora Vail non ha mai contemplato l’idea di sottrarsi dal binomio Guggenheim – Venezia, infatti “Governare” la Collezione l’ha portata ad apportare alcuni cambiamenti. La disposizione dei quadri nelle sale oppure il raggruppamento di tutte le opere di medesimi artisti sono esempi di novità.

Tutto iniziò nel 1948

Il binomio Guggenheim – Venezia affonda le sue radici intorno alla fine della Seconda Guerra Mondiale;  nel 1948 Penny Guggenheim espose per la prima volta le sue opere in occasione della XXIV edizione della Biennale d’arte di Venezia. L’anno dopo aprì al pubblico la sua collezione, Collezione Peggy Guggenheim , rimanendo a Venezia per il resto della sua vita.

A distanza di 40 anni, Venezia sarà nuovamente lo sfondo di questo legame indissolubile tra l’artista e la città lagunare. Proprio per questo è in cantiere una mostra dedicata alla sua figura ed al suo operato, con lo scopo di approfondire la conoscenza e la visione della sua collezione.

Le opere di una donazione del 2012 saranno raccolte nell’area delle mostre temporanee, invece i quadri collezionati da Peggy Guggenheim saranno esposti presso la baronessa del Palazzo. Inoltre la mostra comprenderà anche lavori acquisiti dall’artista dopo il suo arrivo in laguna. Intorno al periodo estivo verrà inaugurata un’ulteriore mostra dedicata a Jean Arp, il primo artista entrato a far parte della Collezione.

Le mostre rappresenteranno il  “palcoscenico” delle scelte di una collezionista, che sapeva rischiare ed era in grado di cogliere il valore artistico di un’opera al di là del mercato. Si è deciso di omaggiare una donna che ha donato tanto a Venezia, ma che allo stesso tempo ha ricevuto altrettanta stima e riconoscenza.

 

 

 

 


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .