Picasso ? No Banderas

Dal 10 maggio su National Geographic Genius Picasso

Picasso Un Pablo Picasso con il volto di Antonio Banderas. E la curiosità cresce. Il pubblico italiano dovrà aspettare il 10 maggio per vedere su National GeographicGenius: Picasso “, la seconda stagione della serie di N.G prodotta da Ron Howard, che dopo aver attraversato il mito di Einstein affronta in dieci puntate la lunga e affascinante parabola artistica e umana del genio di Malaga. Eh già ad accomunare Banderas e Picasso c’è proprio la nascita andalusa, oltre che qualcosa nello sguardo, forse solo una fiammata mediterranea che unita al trucco fa il “miracolo” di una sovrapposizione che pare perfetta.

E così scopriamo che Banderas s’è buttato anima e corpo nel ruolo, fino a radersi le sopracciglia per assomigliargli ancora di più. Decidere di interpretare Picasso è stato come “saltare da una scogliera“, ha detto l’attore che già in passato era stato vicino a interpretare l’artista in una produzione annunciata alcuni anni fa ma mai decollata. Al tempo però Banderas era all’inizio della sua carriera, e forse non era pronto a interpretare una figura che idolatrava. Picassoè stata la parte che ho respinto di più“, ha spiegato Banderas nelle varie presentazioni dei giorni passati. Eppure, da orgoglioso cittadino di Malaga, ha insistito per girare lì, per ambientare la storia nella stessa casa in cui nacque Picasso e nell’arena dove il padre lo portava a vedere quelle corride che tanto spazio avrebbero avuto nella sua arte.

Il Genio

Pablo Picasso aveva un ego smisurato e un’ambizione fuori dal comune, oltre che una consapevolezza altrettanto immane che lo ha accompagnato sin dall’infanzia. Tutto ciò è parte della sua stessa leggenda che, tuttavia, mai lo spinse a dichiararsi “genio“, animato forse da un sano sospetto.

Picasso Ma che Picasso vedremo in tv?

Attraverso dieci episodi incontreremo il ragazzo Picasso a Malaga, seguiremo il giovane – interpretato da Alex Rich – a Barcellona e poi a Parigi, dove coi suoi amici poeti vive un’esistenza bohème. E poi l’ascesa, la fama mondiale dell’artista ormai ricco e già di mezza età. E qui arriva Banderas, a interpretare l’uomo e la sua leggenda. L’artista che in Costa Azzurra dipinge le sue donne: le muse più celebri come l’eterea Marie-Thérèse Walter (Poppy Delevingne) e la passionale Dora Maar (Samantha Colley); e poi la madre dei suoi figli, Françoise Gilot, l’unica a lasciarlo, e Jacqueline Roque, seconda e ultima moglie. Le personalità di queste donne e le relazioni sovrapposte con il “capricciosoPicasso costituiscono il centro emotivo della serie.

Storie restate nella leggenda come l’incontro nel 1936 di Dora Marr con l’artista, che però era ancora coinvolto con Marie-Thérèse Walter, l’adolescente bionda che aveva conosciuto in una strada parigina nel 1927. Le due donne – che sarebbero state protagoniste di alcuni dei dipinti più celebri (e dall’astronomico costo) dell’artista –  non avrebbero mai dovuto incontrarsi, ma inevitabilmente le loro strade si incroceranno nello studio di Picasso . Lui si rifiuterà di scegliere, affermando che avrebbero dovuto risolvere da sole la questione. E quelle così fanno, accapigliandosi. Anche questo un episodio leggendario, uno dei tanti che costellano la serie. Curiosità: le due attrici non hanno utilizzato alcuna controfigura.

Un sole la cui forza trascina tutti nella sua orbita e dove distruzione e creazione si alternano indifferentemente. Ecco Picasso .

Genius: Picasso arriverà in Italia su National Geographic a partire dal 10 maggio ogni giovedì dalle 20:55 disponibile anche su Sky On Demand.


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .