Montecitorio a porte aperte Una domenica alla scoperta dei segreti del Palazzo

Ad accogliere i visitatori sarà il neo eletto presidente della Camera, Roberto Fico

MontecitorioNuova legislatura, nuovo ciclo di ” Montecitorio a porte aperte “, iniziativa della Camera dei deputati che una volta al mese apre le porte del Palazzo alle visite del pubblico.
Si comincia domenica 8 aprile, e qualcuno potrà ritrovarsi come guida d’eccezione Roberto Fico: «Il Palazzo della Camera è la casa di tutti i cittadini. –  ha affermato il presidente della Camera presentando l’evento nei giorni scorsi – Iniziative come Montecitorio a porte aperte sono importanti perché permettono alle persone di conoscere e visitare i luoghi in cui prende forma il futuro del Paese e di sentirli propri. Il mio impegno sarà di proseguire su questa strada e rendere Montecitorio sempre più vicino ai cittadini. Sono emozionato all’idea di poter accogliere per la prima volta i visitatori in questa giornata e condividere con loro una domenica speciale».

Montecitorio come simbolo della democrazia parlamentare italiana, ma anche come luogo denso di arte e di storia e, da sempre, deputato alla politica, se è vero, come sostengono alcuni studiosi, che dove sorge il Palazzo in epoca romana si svolgessero le assemblee elettorali (da cui mons citatorius). E’ certo una ipotesi, ma i fatti storici ci dicono che il Palazzo, progettato nel 1650 da Gian Lorenzo Bernini come dimora per i principi Ludovisi, ma poi terminato da Carlo Fontana, in realtà ha sempre svolto una funzione pubblica. Fu in seguito ad alcune diatribe diplomatiche che papa Innocenzo XII vi instaurò il dazio e quella sorta di ministero della Giustizia che era la Curia Pontificia.

MontecitorioCon Roma capitale (1870), a Montecitorio fu creata una prima Aula, progettata da Paolo Comotto e inaugurata nel 1871, ma si dimostrò presto inadeguata e i lavori dell’Assemblea furono trasferiti in un’Aula provvisoria in attesa della realizzazione della nuova aula, inaugurata il 20 novembre 1918 su progetto di Ernesto Basile. Occorreranno altri dieci anni per il suo completamento, intanto il Palazzo, che nel tempo ha subito diversi rimaneggiamenti sia interni, sia esterni, si afferma come luogo principe della politica.
E tra le sue sale, gli spazi di rappresentanza, il cortile d’onore, i corridoi, il monumentale Transatlantico (che deve il suo nome all’illuminazione caratteristica delle navi transoceaniche), si presenta anche con una considerevole collezione d’arte, con opere che vanno dal ‘500 al contemporaneo.

Il programma della giornata

Ad aprire la giornata, domenica 8 aprile, sarà in piazza Montecitorio , alle 11 il concerto della Banda della Marina Militare diretta dal Maestro Antonio Barbagallo. Quindi il presidente Roberto Fico accoglierà alcuni gruppi di cittadini accompagnandoli per un tratto della visita, in Transatlantico e in Aula. Alla scoperta dei tesori e delle curiosità del Palazzo della politica, la visita include i luoghi più significativi: l’Aula, con i pannelli del Fregio di Sartorio dedicato all’epica del popolo italiano; l’imponente decorazione liberty del Velario, 800 metri quadrati in rovere di Slavonia, vetro colorato e ferro; il Transatlantico e gli ambienti dove è passata la storia della nazione, come la Sala della Lupa, la Sala della Regina, la Sala Aldo Moro, la Sala del Cavaliere.

MontecitorioCome accedere

L’accesso al Palazzo è previsto dalle ore 10,30 alle 16,30 (ultimo ingresso alle ore 15,30). La visita si svolge per gruppi e ogni partecipante dovrà essere munito di un biglietto che avrà ritirato, gratuitamente, lo stesso giorno della visita, presso l’Infopoint (via Uffici del Vicario, angolo via della Missione) che sarà aperto fin dalle 9,30. Ciascun visitatore potrà richiedere, fino a esaurimento, un massimo di quattro biglietti se adulto e un solo biglietto se minorenne, scegliendo un orario di visita compreso tra le 10,30 e le 15,30. I possessori dei biglietti sono tenuti a presentarsi all’ingresso di piazza Montecitorio dieci minuti prima dell’orario indicato sul biglietto.


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .