Cannes 2018 Niente selfie e niente Netflix

Sul tappeto rosso non vedremo selfie delle star ma neanche film prodotti dal colosso dello streaming

CannesCannes 2018 scalda i motori. La kermesse, giunta alla sua 72esima edizione, prenderà il via dalla croisette a partire dall’8 maggio prossimo. A breve scopriremo tutti i titoli in concorso ma nelle sue prime dichiarazioni sull’evento, il direttore artistico Thierry Frémaux ha dato già qualche linea guida su come sarà questa edizione.

No selfie ad esempio 

Se n’era già parlato in passato e quest’anno è diventato ufficiale. Ne per i vip, ne per i fans con i vip. Tutto questo per tornare a mantenere la sacralità del red carpet. Fremaux ha parlato di una “Degenerazione verso il triviale di quello che è uno dei momenti più alti del festival, con problemi che si creavano non solo sul red carpet”. Il riferimento è ai ritardi che i continui selfie provocano nella scaletta. Con buona paca dei fans anche se siamo sicuri che qualche vip farà di tutto per violare la regola e far parlare di sè.

No Netflix

Questa invece è una notizia più importante. L’anno scorso parteciparono due film prodotti da Netflix a Cannes e durante la prima stampa di Okja di Bong Joon-ho, volarono fischi e urla appena apparve sul grande schermo il logo Netflix. Frémaux ha parlato di inconciliabilità di vedute tra il modello di Cannes e quello di businness di Netflix. Il direttore vorrebbe imporre una regola semplice, sia per i film in concorso per la palma d’oro che per quelli di Un certain regard: i film dovranno uscire almeno in una sala del territorio francese.

CannesUna regola semplice e se vogliamo giusta ma che non prende in considerazione chi vive solo di streaming. Frémaux ha detto che l’anno scorso fece ammettere i due film (l’altro era il titolo di Noah Baumbach, The Meyerowitz Stories) per venire incontro a Netflix ma anche che questi non hanno mai cambiato idea. Quindi si sta per arrivare al ban ma le due parti stanno ancora trattando per venirsi incontro.

Il direttore ha parlato di una scelta critica ma di una decisione ferma

Le reazioni non si sono fatte attendere e sono state piuttosto negative. Lasciar fuori dalla Palma Netflix sarebbe ingiusto, è l’opinione comune. Schierate invece tutte e favore le case di produzione e distribuzione francesi, che plaudono alla scelta coraggiosa.

Vedremo come andrà a finire e se un giorno avremo un festival solo per lo streaming, dove concorranno uno contro l’altro Netflix, Amazon Video, Apple, Hulu e il prossimo servizio targato Disney.


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .