Galleria Borghese

A Museo Italia

Galleria BorgheseLa raccolta privata più bella del mondo “. Con queste parole Canova ha descritto la collezione riunita dal cardinale Scipione Borghese nei primi anni del Seicento, nota oggi come Galleria Borghese . La collezione è la protagonista del nuovo appuntamento con la serieMuseo Italia ” con Antonio Paolucci, in onda mercoledì 21 marzo alle 19.20 su Rai5.

Nipote di papa Paolo V, Scipione aveva una grande passione per l’arte e fece costruire Villa Borghese all’interno di un grande parco proprio per conservare e mostrare la sua eccezionale collezione d’arte, che andava dalle opere antiche fino a quelle dei suoi contemporanei come Caravaggio e Bernini. Nacque con lui la moderna figura del collezionista, caratterizzata da curiosità, capacità di cogliere la qualità e di interpretare lo spirito del tempo.

I dodici dipinti del Caravaggio

E Villa Borghese fu proprio pensata per essere un museo, un contenitore di meraviglie. All’interno di essa Antonio Paolucci si sofferma sull’eccezionale sala di Caravaggio, che conserva sei dei dodici dipinti che appartenevano al cardinal Borghese, e descrive le opere nel dettaglio. La villa nel 1902 è stata acquistata dallo Stato Italiano e oggi è patrimonio di tutti, disponibile per coloro che vogliono goderne le bellezze, proprio come si legge nell’epigrafe voluta dal suo ideatore, cardinal Borghese , e di recente tornata nel salone d’ingresso.


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .