La Giornata nazionale del Paesaggio Torna il 14 marzo

I paesaggi più belli del mondo? Sono i nostri

Paesaggio Il Paesaggio come quale valore identitario del Paese, patrimonio nazionale da tramandare alle nuove generazioni con un messaggio che parli di tutela, di valore storico, di bellezza e ricchezza. Sono queste le premesse per parole d’ordine ampiamente condivise in linea teorica ma ben poco praticate, parole come “sviluppo sostenibile” e “uso consapevole del territorio“. Arriva con questo scopo della seconda edizione della Giornata nazionale del Paesaggio, la ricorrenza promossa dal MIBACT che propone in tutta Italia una lunga serie di eventi nei musei, nelle ville storiche, nei siti archeologici, nei parchi, nelle istituzioni pubbliche.

Come risultato dell’incontro tra la natura e il lavoro umano che nei millenni ha plasmato il territorio, il Paesaggio italiano oltre ad essere unico al mondo, è l’emblema stesso della millenaria storia del Paese e delle capacità di trasformare armonicamente l’ambiente. Capacità che sembrano perdute se è vero che probabilmente l’ultima grande opera che in qualche modo crea ” paesaggio ” e non bruttura è l’autostrada del Sole (anni ’60).

Insomma, avremmo centinaia di esempi per dimostrare come il Paesaggio italiano sia costantemente in pericolo: pale eoliche, cementificazione ecc.

In memoria di Giuseppe Galasso

E’ per questo che acquista un particolare valore, tale da farci esclamare finalmente (pur riservandoci di saperne di più) la presentazione della Carta Nazionale del Paesaggio, che proprio il 14 marzo sarà presentata al Salone Spadolini del ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo. Conterrà “Elementi per una Strategia per il paesaggio italiano elaborata a cura dell’Osservatorio nazionale per la qualità del paesaggio” ed è dedicata alla memoria di Giuseppe Galasso, scomparso lo scorso febbraio. Il professore universitario, già sottosegretario ai beni Culturali nei governi Craxi, che nel 1985 elaborò quella legge per la tutela del paesaggio che poi prenderà il suo nome (“legge Galasso“). Per la prima volta in Italia si ponevano precisi limiti all’edificazione in zone “sensibili” (spiagge, sponde dei fiumi, luoghi d’interesse storico e naturalistico)

Ed a Galasso, in occasione della Giornata Nazionale del Paesaggio, a Napoli, al Castello Sant’Elmo e il Museo dell’antica Capua propongono un incontro dedicato all’indimenticato intellettuale, storico e studioso del pensiero politico, estensore della legge di tutela sul Paesaggio Italiano (ore 11).

Gli appuntamenti in programma in decine di siti pubblici sono di natura diversa, troviamo incontri, conferenze, presentazioni di libri, visite guidate, mostre, spettacoli, reading (qui l’elenco per Regione: http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/MibacUnif/Eventi/visualizza_asset.html_945598387.html )


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .