Gino Bartali Il Giusto nazionale

A Passato e Presente

 

Gino Bartali Tra il 1934 e il 1954, Gino Bartali è per tutti l’asso del ciclismo italiano, e per Bartali il ciclismo è  quasi una vocazione monastica. Con questo credo durante gli anni terribili della Seconda Guerra MondialeGinettaccio, come è anche chiamato, salva 800 ebrei dalle deportazioni. Una storia che il professor Stefano Pivato rilegge con Paolo Mieli Passato e Presente , il programma di Rai Cultura in onda oggi alle 13.15 su Rai3 e alle 20.30 su Rai Storia.

La tappa della vita

La Delegazione per l’Assistenza degli Emigranti Ebreiè un’organizzazione di resistenza formata da attivisti cattolici. Tra loro c’è anche Gino Bartali , che tra l’autunno del 1944 e l’estate del 1945 si mobilita per fornire aiuti concreti percorrendo la tappa più importante della sua vita: quella da Firenze ad Assisi. Quasi quattrocento, tra andata e ritorno, sono i chilometri che percorre ogni volta per raggiungere la cittadina umbra, dove la tipografia clandestina della famiglia Brizzi stampa i documenti falsi destinati agli ebrei. Con queste nuove identità centinaia di famiglie riescono a salvarsi

Gino Bartali diceva “il bene si fa, ma non si dice” e per quel bene fatto ma non detto, nel 2013, è diventato Giusto tra le nazioni. Nel settembre del 2013 infatti, lo Stato di Israele gli conferisce il massimo riconoscimento: un albero in suo onore nel Giardino dei Giusti dello Yad Vashem.

Passato e presente propone anche una visita al Museo della Memoria di Assisi, dove sono custodite le tracce di quell’impresa del grande ciclista.

 


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .