Il corpo della donna e Me Too

La libertà limitata delle donne

corpo Con il movimentoMe Too “, nato in risposta al caso delle molestie sessuali a Hollywood, le donne di tutto il mondo sono tornate far sentire la propria voce. A “ Tv Storia ” – il programma di Rai Cultura condotto da Massimo Bernardini in onda questa sera alle 21.10 su Rai Storia – gli storici Silvia Salvatici ed Emmanuel Betta, e la psicologa Patrizia Romito raccontano come il corpo della donna abbia sempre avuto un peso importante nella costruzione dei ruoli maschile e femminile nella società.

Gli anni ‘70

Per secoli la donna è stata relegata alla sua funzione di procreatrice e, come tale, asservita al dominio maschile. Fino a quando negli anni ’70 i movimenti femministi, partendo dalla conoscenza del corpo femminile e dalla sua sessualità, hanno formulato la loro proposta politica di sovvertimento delle gerarchie sociali.

La stagione di riforme che ne è seguita, se ha formalmente concesso alle donne uguali diritti, non ha però garantito loro la libertà di sentirsi sicure per strada, a un colloquio di lavoro, o in una relazione amorosa. Una libertà che è ancora una volta il loro corpo, e la pretesa maschile di mantenerne il controllo, a rendere limitata.


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .