Tv Storia Le strategie del terrore

Quando ad essere colpiti sono i simboli dello Stato

Tv Storia L’evoluzione del terrorismo, visto dalla parte delle vittime, di chi diventa obiettivo della follia omicida. Se ne parla a Tv Storia , il programma di Rai Cultura condotto da Massimo Bernardini in onda questa sera alle 21.10 su Rai Storia.

Un percorso che Tv Storia fa partire dalla seconda metà dell’Ottocento quando re, capi di stato, primi ministri e grandi capitani d’industria diventano oggetto di attentati da parte di anarchici, nazionalisti, patrioti. Nel corso del Novecento la svolta è negli anni Sessanta e Settanta, quando in Italia – accanto ad un terrorismo che continua a colpire i simboli dello Stato – vengono prese di mira anche le persone comuni. Piazza Fontana, il treno Italicus, la strage dell’aeroporto di Fiumicino, sono solo alcuni degli attentati che hanno colpito semplici cittadini, colpevoli solo di trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato.

Fino ai giorni nostri

Negli ultimi anni, poi, il terrorismo si è ulteriormente evoluto: oltre a colpire gli spazi della socialità, utilizza gli strumenti della vita quotidianacamioncini, Tir, ambulanze – come micidiali strumenti di morte.

Ospiti della puntata di Tv Storia , Giovanni De Luna, storico del Novecento; Pietro Adamo, storico ed esperto dei movimenti anarchici; l’ambasciatore Giampiero Massolo, presidente dell’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale.


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .