Un ricordo di Claudio Villa

A edizione iniziata del Festival di Sanremo un doveroso spazio anche per il Reuccio

Claudio VillaIl 7 febbraio 1987 muore Claudio Villa . Nato a Roma il primo gennaio 1926, debutta nel 1944 con Il cardellino . Per tutti è il Reuccio della canzone italiana, vista la sua piccola statura. Un grande personaggio ricordato da Il giorno e la Storia , il programma di Rai Cultura in onda mercoledì 7 gennaio a mezzanotte e in replica alle ore 5.30, 08.30, 11.30, 14.00 e 20.10 su Rai Storia.

Negli anni Cinquanta Claudio Villa è il protagonista assoluto sulle frequenze della Radio italiana. Vince quattro Festival di Sanremo: con “ Buongiorno Tristezza ”, “ Corde della mia chitarra ”, “ Addio… addio ” e nel 1967 con “ Non pensare a me ”. Tra i suoi successi musicali più famosi, “ Granada ”, “ Binario ”, “ Il torrente ”, “ Buongiorno Tristezza ”, “ Messico e nuvole ”.

Fu Pippo Baudo a dare la notizia all’Italia

Nel lontano 1987 fu allora Pippo Baudo dal palcoscenico del Teatro Ariston a darne la notizia della scomparsa in tempo reale scatenando un lungo applauso rimasto nella storia del Festival. Un talento quello di Claudio Villa riconosciuto in tutto il mondo quanto il suo carattere combattivo. Memorabili rimarranno le sue liti furibonde con l’impresario e produttore musicale italiano Gianni Ravera.


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .