Le Ragazze del ’68

Le storie di Emanuela e Patrizia

Le Ragazze del '68A 60 anni esatti dal Movimento del Sessantotto, continua il racconto al femminile degli anni che hanno visto cambiare la società italiana. Nella quarta puntata di Le ragazze del ’68 , in onda questa sera alle 20.35 su Rai3, si alterneranno le voci di Emanuela Moroli, giornalista, e di Patrizia Vistarini, in arte Mita Medici, cantante e attrice. Emanuela Moroli nel 1968 era una giovane giornalista e la chiamavano la “ Ragazza col microfono ”.

Frequentava tutti gli ambienti dell’underground romano ed è stata una delle prime donne a prendere la parola in una rivoluzione che, inizialmente, era totalmente al maschile. Tra i suoi ricordi, anche il tragico attentato del 9 gennaio 1979, quando un gruppo armato di fascisti fece irruzione nella sede di Radio Città Futura e ferì gravemente cinque donne che erano ai microfoni. Emanuela Moroli, una de Le Ragazze del ’68 , ha sempre lottato per i diritti delle donne, in Italia e all’estero, e continua tutt’oggi a farlo.

La seconda de Le Ragazze del ’68

Nel 1968 Patrizia Vistarini era già Mita Medici, una giovanissima attrice, con le idee poco chiare e un’infinita voglia di vita. La sua rivoluzione inizia dal Piper, il locale che a Roma è stato il fulcro del cambiamento della musica, della moda, e del costume dei ragazzi . Patrizia non solo era una di loro: era la “ Ragazza del Piper ”, in pratica un’influencer di oggi. Dalla minigonna alle parrucche, dalle ciglia finte all’acqua e sapone: il suo gusto per la trasformazione non era solo questione di moda. Irriverente e innamorata della vita, Patrizia è diventata famosa, è diventata Mita, ma non ha mai smesso di essere la “ Ragazza del Piper ”.


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .