Gabriele Salvatores Il ragazzo invisibile Seconda generazione

Lo abbiamo incontrato per parlare del film

Gabriele Salvatores Dopo quattro anni torna al cinema il secondo capitolo della saga de Il ragazzo invisibile: Seconda generazione che riporta Gabriele Salvatores nel mondo del timido Michele Silenzi, ( Ludovico Girardello) il ragazzo di Trieste che possiede il dono dell’invisibilità. Meno romanzo di formazione rispetto al primo,  e con un anima decisamente  più dark, questa volta Gabriele Salvatores spinge il racconto concentrandosi su Yelena (Kseniya Rappoport), madre e leader degli “ speciali “, persone dotate di superpoteri braccate come mostri, che decidono di prendersi la loro rivincita sui ” normali “. Combattuto tra la madre adottiva, Giovanna (Valeria Golino) che lo ha cresciuto con amore e quella naturale, che lo vuole forte e pronto a combattere, Michele deve crescere e capire che persona e che supereroe  vuole diventare.

Gabriele Salvatores «Sei sicuro che tua madre ti vuole bene? Questa doveva essere la domanda da usare come sottotitolo – racconta – Contrariamente a quanto succede di solito nei fumetti, in cui i supereroi diventano tali perché hanno subito un grave trauma familiare, qui sono proprio i genitori a creare scompiglio. »

Gabriele Salvatores «Non sempre essere la madre naturale vuol dire essere un buon genitore – ha continuato il registaI figli sono di chi li cresce e nel film c’è un bel dibattito su questo: abbiamo il confronto  fra una madre adottiva e una naturale. E per questo ho preso a piene mani dalle mitologie orientali: Parvati, che è la moglie buona, una madre dolce, ha un’altra faccia, Kali, la distruttrice che beve il sangue di quelli a cui ha tagliato le teste

L’evoluzione non è mai indolore?

Gabriele Salvatores «No. Per questo abbiamo pensato di fare dei super eroi, che non fossero solo quelli che salvano il mondo, ma anche coloro che usano male i loro super poteri. Emarginati, sfruttati, considerati mostri, diversi, quando riescono a liberarsi si vendicano. Succede.»


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .