Milano 2018 Le più belle mostre del prossimo anno

Dürer, Picasso, Klee, Frida Kahlo, Boldini e le opere del Philadelphia Museum tra i punti di forza della nuova stagione espositiva milanese

Milano 2018 Milano 2018 , 60 eventi espositivi per un percorso che parte dall’arte classica ed arriva al contemporaneo, ma attraversa anche la grande Storia e il Costume; un pokerissimo formato da Albrecht Dürer, Paul Klee, Giovanni Boldini e Pablo Picasso e grandi collaborazioni internazionali che, tra l’altro, porteranno in città i capolavori del Philadelphia Museum e le opere di Frida Kahlo. E’ l’estrema sintesi di quanto nel 2018 potremmo vedere nel circuito museale di Milano, un programma importante, presentato nei giorni scorsi dal sindaco Giuseppe Sala e dall’assessore alla Cultura Filippo Del Corno per riconfermare il ruolo di Milano tra le capitali cultuali europee.

Grandi Maestri per Grandi Mostre di Milano 2018

Milano 2018 (21 febbraio_24 giugno 2018), ad aprire la sfilata delle grandi mostre a Palazzo Reale è Albrecht Dürer in una esposizione che propone un confronto tra questo protagonista del Rinascimento nordeuropeo ai suoi contemporanei italiani e non: Cranach, Giorgione, Lorenzo Lotto.

Ancora a febbraio il MuDeC | Museo delle Culture rilancia con la retrospettiva dedicata a Frida Kahlo (1° febbraio – 3 giugno 2018) con oltre 100 opere provenienti dalle due più importanti collezioni dell’artista messicana (Olmedo e Gelman), da musei internazionali e da Casa Azul, la dimora di Frida Kahlo e Diego Rivera.

A marzo Milano 2018 tornerà a Palazzo Reale con l’esposizione delle opere provenienti dal Philadelphia Museum of Art (8 marzo – 2 settembre 2018) una sfilata da capogiro di maestri dell’arte moderna e impressionista, con tra le altre, opere di Pierre-Auguste Renoir, Claude Monet, Paul Cézanne, Henri Matisse, Pablo Picasso, Paul Klee.

Milano 2018 Nello stesso periodo, a fare da contrappunto è La GAM | Galleria d’Arte Moderna che presenterà (16 marzo-17 giugno 2018) una selezione di 30 opere in prestito dal Museo Giovanni Boldini di Ferrara esposte in dialogo con le opere della GAM di Boldini e di Paul Helleu, amico dell’artista emiliano e come lui protagonista della Belle Époque parigina.

L’estate al PAC (Padiglione d’arte contemporanea) sarà all’insegna degli artisti brasiliani, con una collettiva che propone una riflessione sulla conflittualità espressa da questi contemporanei: gli scontri, le violenze e i soprusi politici, sociali, razziali, ecologici, culturali (4 luglio_9 settembre 2018).

L’autunno di Milano 2018 si aprirà con Paul Klee, protagonista della mostra allestita al MuDeC (26 settembre 2018_27 gennaio 2019) che affronterà l’opera dell’artista svizzero-tedesco evidenziandone l’attività all’interno del fermento primitivista che attraversa l’Europa agli inizi del XX secolo.

E poi quella che si presenta come la mostra più importante dell’anno. A Palazzo Reale (18 ottobre 2018 – 17 febbraio 2019) torna in scena Pablo Picasso, con 350 opere selezionate fra i più grandi capolavori del Museo Picasso. L’esposizione crea un dialogo con opere che richiamano quei canoni della bellezza classica e del mito che tanto hanno significato nella estetica picassiana.

Ancora una importante collaborazione, questa volta con la Solomon R. Guggenheim Foundation di New York per la mostra alla GAM | Galleria d’Arte Moderna (11 aprile – 17 giugno 2018) che sonda le voci della contemporaneità rimandate da Nord Africa e Medio Oriente.

Milano 2018

La storia e la memoria della città

Nel 2018 ricorrerà il centenario dalla fine del primo conflitto mondiale, e il cinquantenario della “ rivoluzione ” sessantottina. Palazzo Morando- Costume Moda Immagine (15 marzo_15 luglio 2018) racconterà il ruolo nevralgico di Milano durante la Grande Guerra, mentre la Biblioteca Sormani (18 maggio_14 luglio 2018) rievoca le fasi della contestazione studentesca del 1968, divampata a Milano tra le mura dell’Università.

Altro anniversario, il 150° dell’inaugurazione della Galleria Vittorio Emanuele II; per celebrarlo il Castello Sforzesco (21 dicembre 2017_18 marzo 2018) propone una mostra ripercorre le vicende progettuali e costruttive di questo salotto milanese.

Lo spirito del ‘900

Ampia la parentesi che il cartellone positivo di Milano 2018 dedicherà all’arte del XX secolo italiano. Si parte dal Museo del Novecento con i fari puntati su due figure di artiste-intellettuali che hanno lasciato una significativa impronta alla definizione culturale del secolo breve. Si tratta di Giosetta Fioroni (6 aprile- 26 agosto 2018) e Margherita Sarfatti (21 settembre 2018 – 24 febbraio 2019).

Al Castello Sforzesco (23 marzo – 1 luglio 2018) sarà invece di scena la grafica del Novecento italiano con l’esposizione di circa 200 opere dei più celebri maestri del secolo scorso, tra cui Boccioni, Martini, Modigliani, Carrà, De Chirico, Bartolini, Sironi, Morandi, Marini, Burri, Afro, Fontana, Baj, Capogrossi, Galli, Pistoletto.

E poi l’omaggio di Palazzo Reale a due protagonisti del secolo scorso con una mostra delle opere più riconoscibili di Carlo Carrà (4 ottobre 2018 – 3 febbraio 2019) ed una dedicata ad Agostino Bonalumi (luglio – settembre 2018). Si tratta della prima vera antologica che la sua città dedica all’artista scomparso nel 2013.

Milano 2018 Moda e Design

Non potevano mancare nella Milano 2018 , capitale del design, della moda e dell’architettura, alcuni eventi espositivi dedicati a sondare la ricchezza e la complessità del pensiero creativoapplicato ”. Destinato a porre un punto fermo il progetto di Palazzo Reale (22 febbraio – 6 maggio 2018) che dedicherà una mostra e un libro alla moda italiana dal 1971 al 2001. 30 anni cruciali per l’affermazione globale del sistema italiano del Made in Italy. A Casa Museo Boschi Di Stefano, invece, il punto di vista cambia, qui, nel mese di giugno, sono arte e architettura ad incrociarsi nelle figure milanesi di Lucio Fontana e Luciano Baldessari, legati peraltro da un’amicizia lega quattro decenni.

Milano 2018 Anticipazioni Milano 2019

E per il momento le anticipazioni sul corposo calendario espositivo milanese per l’anno che verrà si ferma qui. Entreremo a tempo debito nei dettagli dei singoli eventi, intanto a latere della presentazione del programma Milano 2018, sono giunte anticipazioni anche per Milano 2019, con un cartellone caratterizzato da grandi nomi come Jean-Auguste-Dominique Ingres (Palazzo Reale, 22 febbraio – 16 giugno 2019), George de La Tour (Palazzo Reale, primavera 2019), Giorgio De Chirico (Palazzo Reale, settembre 2019-gennaio 2020), Filippo De Pisis (Museo del Novecento, settembre 2019-marzo 2020).

Soprattutto si attende l’anno leonardiano, con le celebrazioni per il V centenario della morte di Leonardo da Vinci (1519-2019) quando ci sarà la riapertura straordinaria della Sala delle Asse del Castello Sforzesco (affrescata da Leonardo), affiancata da una mostra di disegni originali di Leonardo da Vinci e di altri artisti del Rinascimento (16 maggio – 18 agosto 2019).