La classifica settimanale dei libri più venduti 3 / 9 dicembre

Invariata la vetta, spiccano le novità noir di Carrisi e De Giovanni, insieme a Del Piero e Bottura

classifica 10 in classifica – Donato Carrisi L’uomo del labirinto (Longanesi, 19€, 400 pagine)

Con i suoi tre milioni di libri venduti nel mondo è l’autore di thriller italiano più venduto all’estero e dopo il suo best seller La ragazza nella nebbia, da cui è stato tratto anche il film con cui ha debuttato alla regia, arriva questo nuovo noir attraverso cui ci conduce a caccia di mostri, quelli nella mente delle persone. La vittima è una ragazza, rapita e liberata, e il dottor Green è un profiler e Genko un investigatore privato che tenteranno di scovare l’uomo del labirinto, il suo carceriere. 

9 in classifica – Gianluigi Nuzzi Peccato originale (Chiarelettere, 18,60€, 320 pagine)

Il giornalista che ci ha guidato tra Vaticano SpaSua Santità e Via Crucis, tre libri inchiesta, propone nel suo nuovo libro una ragnatela di storie, a partire da documenti inediti e carte riservate dell’archivio dello Ior. E non mancano le testimonianze sorprendenti e tasselli di verità che sono stati per anni solo grandi e angosciosi punti interrogativi, come il noto caso di Emanuela Orlandi, tra poco chiare operazioni finanziarie e lingotti d’oro.

8 in classifica – Ken Follett La colonna di fuoco (Mondadori, 27.00€, 912 pagine)

Per il terzo volume della trilogia di Kingsbridge Follett ci porta nel 1558, anno in cui Ned Willard, figlio di un ricco mercante protestante, viene ingaggiato da un consigliere di Elisabetta Tudor, futura regina. Salita al trono gli affida un ruolo chiave in quello che sarà il primo servizio segreto britannico. Sono anni difficili, in cui neanche l’amore di Ned per la sua Margery Fitzgerald riesce a superare le barriere degli opposti schieramenti religiosi. Willard tornerà a Kindsbridge, per far vivere ai lettori quello che è il terzo capitolo dopo i best seller I pilastri della terra e Mondo senza fine. Religione e tolleranza sono i temi principali del libro, ma l’ambientazione tardo medievale è attuale, perché, come ha detto Ken Follett in un’intervista, Quando cominci a capire la storia, cominci a capire il tuo tempo.

7 in classifica – Gianfranco Carofiglio Le tre del mattino (Einaudi, 16.50€, 176 pagine)

Un padre ed un figlio percorrono la loro storia e il loro viaggio è l’occasione per sviluppare un percorso ricco di commoventi scoperte. Siamo nei primi anni Ottanta, Antonio è un liceale introverso e suo padre è un importante matematico, i loro rapporti non sono mai stati facili ma qualcosa li unisce: il figlio che soffre di crisi epilettiche dovrà fare un esame particolare consigliato dal medico francese che lo ha in cura, e quindi i due partono per Marsiglia. Il test del ragazzo consiste nel restare sveglio per 48 ore, ma la vera prova inaspettata è l’incontro tra i due, un viaggio allegro e struggente sullo sfondo di una magica città.

in classifica – Stephen King Owen King Sleeping beauties (Sperling & Kupfer, 21,90€, 652 pagine)

Il maestro dell’horror è tornato con questo libro scritto a quattro mani col figlio Owen, una favola nera, una trama ricca di personaggi unici, potenti, sconvolgenti. «C’era una volta Dooling… », una piccola città dove c’è un carcere all’avanguardia e destinato solo a donne, in cui lo psichiatra del penitenziario svolge la sua routine a contatto con pericolose criminali, fino all’arrivo della notte in cui è annunciato l’arrivo della Regina Nera e uno strano omicidio viene segnalato alla polizia.

in classifica – Dan Brown Origin (Mondadori, 25.00€, 564 pagine)

Il protagonista è sempre Robert Langdon, il professore di simbologia e iconologia religiosa, viene invitato all’evento nell’avveniristico museo Guggenheim di Bilbao dove assisterà alla rivelazione che rimetterà in dubbio dogmi e principi ormai dati come acquisiti. Il futurologo quarantenne miliardario, Edmond Kirsch, suo ex allievo ed amico, e l’affascinante direttrice del museo, Ambra Vidal, saranno due personaggi chiave nel nuovo giallo thriller dell’autore della serie di best seller nati da Il Codice Da Vinci.

4 in classifica – Autori Vari Un anno in giallo (Sellerio, 16€, 484 pagine)

Entra in classifica questo libro corale, fatto di 12 racconti per ogni mese, in cui ciascun ogni autore ha scelto di ambientare il proprio giallo. Agnello Hornby, Aykol, Camilleri, Costa, Giménez-Bartlett, Malvaldi, Manzini, Piazzese, Recami, Robecchi, Savatteri, Stassi, con i loro tanti personaggi, da Montalbano a Lamanna e La Marca, da Vince Corso al vicequestore Schiavone, e debuttano anche due nuovi personaggi, l’avvocato Cornelia Zac (Simonetta Agnello Hornby) e Angela Mazzola, poliziotta della Mobile di Palermo (Gian Mauro Costa).

3 in classifica – Alessandro D’Avenia Ogni storia è una storia d’amore (Mondadori, 20€, 324 pagine)

D’Avenia è uno degli autori del momento e ad un anno dal suo recente successo L’arte di essere fragili (presente ancora tra i titoli più venduti, in cartaceo e digitale), l’autore resta saldamente in classifica con questo nuovo lavoro che parte da una domanda: l’amore salva? A questo interrogativo tenta di dare risposta attraverso 36 storie di donne e dei loro amori, compagne di vita di grandi artisti o artiste loro stesse, con la loro umanità e straordinarietà, in una avvincente narrazione perché «Noi siamo e diventiamo le storie che sappiamo ricordare e raccontare a noi stessi».

2 in classifica – Isabel Allende Oltre l’inverno (Feltrinelli, 18,50€, 304 pagine)

Sono tre i destini che l’autrice intreccia in questo romanzo coinvolgente che vira parecchio su temi di attualità, tra identità americana e speranze, in un’atmosfera thrilling in cui i protagonisti sono un professore universitario americano, che per un banale incidente in auto entra in contatto con una straniera, arrivata negli Stati Uniti illegalmente dal Guatemala, e la vicina di casa, una donna cilena con un passato complicato.

1 in classifica – Fabio Volo Quando tutto inizia (Mondadori, 19€, 180 pagine)

Ancora tra i libri che piacciono di più, questa storia di un amore che sembra che ci capisca senza sforzo, ed è subito incanto. E qui sta anche la forza di Fabio Volo, che sa colpire e attrarre col suo modo di parlare che sembra diretto proprio a noi, e infatti così accade nello sviluppo della trama. Fino a quando arriverà il momento di chiedersi se le persone che incontriamo servono a capire chi dovremo diventare e se ciò che è importante inizia quando sembra finito tutto.

7 titoli a caccia di classifica: rivelazioni e novità fresche di stampa

 

Maurizio De Giovanni Souvenir (Einaudi, 19€, 328 pagine): un’amara vicenda familiare che si svolge negli anni Sessanta, tra Napoli e Sorrento, che comincia con un uomo ritrovato in coma in un atrio di un palazzo e senza documenti. I Bastardi di Pizzofalcone iniziano un’indagine che li porterà a scavare nel passato di una famiglia di turisti ospiti nella penisola sorrentina.

Alessandro Barbero Caporetto (Laterza, 24€, 645 pagine): lo storico propone il racconto dell’assalto del 24 ottobre 1917, dal momento dell’attacco sferrato dalla linea austro-tedesca contro i soldati italiani che combatterono fino alla morte. A cent’anni dalla disfatta di Caporetto tornano note domande, se fu colpa di Cadorna, Badoglio o Capello, e come mai dopo di due anni e mezzo di conflitto l’esercito italiano si rivelò fragile, per questo Barbero ricostruisce un quadro intero sul nostro essere nazione.

Riccardo Falcinelli Cromorama. Come il colore ha cambiato il nostro sguardo (Einaudi, 24€, 470 pagine): lo studio del colore attraverso la società e la cultura. Il colore distingue, gerarchizza, seduce come nella pubblicità, e il pubblico attraverso lo spettro dei colori osserva e impara. L’autore racconta l’uso del colore con illustrazioni ed esempi storici, da Hitchcock a Flaubert, da Mondrian a Madonna, il colore è diventato una filtro attraverso cui viviamo la realtà.

Massimo Recalcati Contro il sacrificio. Al di là del fantasma sacrificale (Raffaello Cortina Editore, 13€, 147 pagine): lo psicanalista affronta la questione del sacrificio e della morale, il desiderio che viene mortificato o l’ideologia per la quale ci si immola anche a prezzo della vita. «Vivere nel sacrificio per ottenere un rimborso illimitato» (dal Dio, dalla famiglia o dall’Altro) che in psicanalisi è la legge del super-io, cioè che il sacrificio non è rinuncia al piacere, ma una forma masochistica di piacere e soddisfacimento. Mentre proprio la psicoanalisi (come anche le profonde parole della religione) vogliono liberare l’uomo dal peso del sacrificio.

Don Winslow Nevada connection (Einaudi, 15,50€, 364 pagine): un noir il cui protagonista è Neil Carey, che torna in Nevada e nelle desolate Terre Alte per cercare Cody, un bambino di due anni, e per farlo dovrà infiltrarsi in una organizzazione di suprematisti bianchi, che seminano odio e violenza contro la società.

Alessandro Del Piero Detto tra noi (Mondadori, 18€, 149 pagine): la storia del grande campione e del suo addio al calcio giocato. Dal ritiro al cambiamento personale, di vita professionale (e sportiva), momento che ciascuno deve affrontare. Oggi Del Piero racconta passato, presente e futuro.

Massimo Bottura and friends Il pane è oro (Phaidon, 29,90€, 424 pagine): lo chef stellato offre una panoramica interessante che ha come fulcro la lotta allo spreco alimentare, tema di grande attualità. Ed ecco qui come realizzare 150 ricette, menù da tre portate ciascuna ideati da 40 chef più famosi al mondo, hanno infatti collaborato tra i tanti Alain Ducasse, Carlo Cracco, Davide Oldani, René Redzepi, Ferran Adrià.