Beside Bowie The Mick Ronson Story

Questa sera su Rai5 a Ghiaccio Bollente

BowieUn appuntamento imperdibile per gli amanti della musica, quella di un certo spessore, da appuntarsi sulle note della programmazione televisiva da non perdere in seconda serata. È la storia di uno splendido gregario che, senza clamori e dietro le quinte, ha firmato alcune delle pagine più belle del rock. Il pluripremiato regista Jon Brewer ricostruisce la vita e la carriera di Mick Ronson, chitarrista fra i più amati e influenti del rock and roll, nel documentarioBeside Bowie : The Mick Ronson Story ”, in onda questa sera alle 23.10 sugli schermi di Rai5. Ronson oggi è ricordato principalmente come chitarrista che ha accompagnato David Bowie dagli “Spiders From Mars” fino ad “Aladdin Sane”.

Il sodalizio 

Ed è proprio Bowie che nel documentario ripercorre in prima persona questo sodalizio artistico e intellettuale profondo, in cui Ronson è il principale artefice dell’architettura sonora degli Spiders From Mars, oltre che motore musicale e contraltare pubblico di Ziggy.

BowieNon a caso, David Bowie di lui ha detto: “…di tutti i chitarristi dei primi anni ’70, Mick è stato il più influente e profondo”

Oltre a Bowie , nel corso della sua carriera, Ronson ha collaborato anche con altri artisti del calibro di Bob Dylan, Lou Reed, John Mellencamp e Morrissey, tra gli altri. Nel ’72, in qualità di co-produttore, chitarrista e pianista, Ronson ha messo il suo impareggiabile intuito musicale al servizio di un’autentica pietra miliare del rock, “Transformer“, curando personalmente ogni aspetto di due dei più grandi successi di Lou Reed,Walk on the Wild Side” e “Perfect Day“.

In seguito è stato scelto da Bob Dylan per il leggendario “The Rolling Thunder Review” e le sessioni di “Hard Rain” del ’76. Ronson morirà a soli 46 anni nel 1993: eppure, nonostante la breve carriera, il suono della sua Gibson Les Paul Custom del ’68 è ancora oggi grintoso e geniale, nonché modello e fonte d’ispirazione per le nuove generazioni del rock. Bowie ringrazia.


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .