Omicidio JF Kennedy si è risolto tutto in una bufala ?

Le grandi promesse di Donald Trump non si sono avverate

Kennedy Il grande clamore che ha accompagnato il tweet di Donald Trump, confermato dalle successive dichiarazioni che miravano a svelare con una certa decisione e fermezza i fascicoli segretati per mezzo secolo riguardanti l’omicidio del Presedente degli Stati Uniti JF Kennedy, si è rivelato una ulteriore bufala, roba da social network.

È così che vogliamo definirlo quel cinguettio che aveva riacceso la curiosità di tutti media mondiali e di coloro che hanno vissuto per cinquanta anni le voci, le bugie, i depistamenti, i falsi colpevoli di una vicenda che siamo certi rimarrà la solita pagina nera della storia politica degli Stati Uniti. JF Kennedy , o meglio la sua morte, è stata usata ancora una volta, l’ennesima. Sul tavolo da poker non ci sono rimaste nemmeno le carte da gioco, meglio far sparire anche quelle.

La CIA e l’Fbi su dichiarazione del Presidente Donald Trump hanno messo il veto alla divulgazione di alcuni fascicoli, quelli naturalmente più importanti, per non compromettere la sicurezza nazionale, e forse anche internazionale. La divulgazione di tutto, nel caso dovesse farsi, è rimandata di altri sei mesi.

Kennedy Cosa cambierà tra sei mesi ?

Rimane solo la logica per poter sospettare che cambieranno gli stessi fascicoli. La CIA e l’Fbi si sono trovate probabilmente spiazzate dalle dichiarazioni di Donald Trump. Il fatto di porre il veto alla divulgazione conferma però che nell’omicidio Kennedy i due servizi di sicurezza nazionale vi abbiano giocato un ruolo più che attivo sulla vicenda.

Ma allora perché Trump ha effettuato questo passo azzardato ?

Nulla vieta di pensare che Donald Trump abbia voluto, e lo voglia anche in futuro, tenere sotto scacco i servizi di intelligence. Entrambe le organizzazioni si sono esposte sulla validità della sua elezione a cittadino numero uno degli Stati a stelle e strisce. E poi ricordiamolo che c’è anche il genero Jared Kushner che dovrà difendersi dall’accusa di aver utilizzato un account di posta privata per comunicare con i responsabili dell’amministrazione Trump.

Lo scandalo venne definito dalla stampa americana “ emailgate “. In tutto questo bailamme politico e di sicurezza nazionale sembra esserci caduto JF Kennedy per essere il suo omicidio ancora una volta usato come moneta di scambio. Sarà così ? Non sarà così ? Comunque vada rimane sempre una storia quella di JF Kennedy che non troverà mai un punto definitivo come questo.  


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .