IT Il film finalmente un remake necessario

Esce oggi in tutti i cinema italiani e speriamo cancellerà la pessima miniserie anni 90

it filmIT torna a tormentare i nostri sogni di bambini cresciuti. A 27 anni dalla sua prima apparizione, il terrificante clown Pennywise avrà una seconda vita sul grande schermo. Nel 1990, in un’epoca che ancora non era troppo avvezza alle serie tv -ma che ben presto lo sarebbe stata grazie al cult Twin Peaks- su ABC andava in onda la prima puntata della miniserie IT, tratta dal libro best seller omonimo, firmato Stephen King. Sarebbe dovuta durare 8 ore divisa in 4 puntate ma alla fine venne accorciata a 2 per un totale di 4 ore. Da quel momento in poi, IT e il suo pagliaccio Pennywise divennero l’incubo numero 1 di una intera generazione di ragazzi e ragazzini. Ognuno aveva paura di andare a dormire da solo, dei palloncini rossi e dei canali di scolo.

Proprio come nel film/romanzo, il pagliaccio malefico torna nella nostra età adulta, con una manovra di marketing assolutamente geniale. Ma era davvero quel gran film che tutti ci ricordiamo e che annoveriamo tra i migliori film horror di sempre quel primo IT? Vi inviterei a rivederlo oggi. Tralasciando il fatto che non faccia più paura, in quanto non siamo più degli ingenui e facilmente impressionabili bambini, il primo IT si scioglierebbe davanti ai vostri occhi come neve al sole. Troppo schematico -ad ogni personaggio viene dedicata una sequenza a turno, neanche fosse una catena di montaggio-, ricco di sequenze imbarazzanti per dialoghi, recitazioni e contesto e con un finale surreale e poco credibile, persino per la natura del genere.

Non solo bambini

Diciamocelo senza paura. Il vecchio IT era un film brutto che poteva fare colpo solo su dei bambini. Altri mostri sacri come Nightmare, Venerdì 13 e Halloween lo demoliscono a confronto. Idem per altri capolavori di King trasporti su schermo, come Carrie, Cujo, Christine, senza parlare di Shining, tanto odiato dallo stesso King. Pennywise meritava un remake, meritava una nuova chance, un taglio più dark, più spaventoso, più adulto. Meritava più soldi e più risorse, un grande regista e un grande cast. Insomma più cura in ogni aspetto.

Adesso pare che ci siano finalmente riusciti e per una volta non siamo qui a dire “un altro inutile remake”, anzi, siamo felici di rivivere un incubo infantile e rincontrare un vecchio amico con i suoi palloncini rossi. Domani troverete la nostra recensione, fateci sapere la vostra qui o su Facebook.


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .