Asia Argento Ho avuto paura di un ciccione alto più di due metri

Nell’intervista a #cartabianca di Bianca Berlinguer lo sfogo dell’attrice italiana

Asia ArgentoLa violenza c’è stata e chi l’ha effettuata ora sta già pagando. Non solo Asia Argento la vittima, ma un’altra ottantina di donne da parte del produttore americano potentissimo Harvey Weinstein. Insieme ad Asia Argento altri grandi nomi del cinema come Gwyneth Paltrow, Rosanna Arquette, Mira Sorvino, Rose McGowan, Ashley Judd, Angelina Jolie Pitt. E questi sono alcuni dei nomi coinvolti da quando lo scandalo è venuto alla luce.

Asia Argento dalla sua non si è tirata indietro a dar voce al megafono della denuncia aprendo la strada così a tutte le altre attrici che hanno aderito al coro generale di vendetta. Ed è giusto che sia così. È giusto che chi ha usato violenza finalmente paghi, punto. Ma ci sembra oltremodo assurdo e inopportuno che queste attrici, Asia Argento su tutte, siano colpevolizzate sui social network.

Queste le considerazioni di Asia Argento nella sua prima intervista a #cartabianca dopo le sue denunce su Harvey Weinstein.

Asia ArgentoSono andata via dall’Italia perché volevo trascorrere un pò di serenità interiore che in questo momento nel mio Paese io e la mia famiglia non possiamo avere – racconta in collegamento da Berlino. “

Allora al momento della violenza mi vergognai sentendomi debole, non riuscì a reagire successivamente. Dopo tutti i premi ricevuti, come i due David di Donatello, mi sentivo arrivata e mai avrei immaginato che sarebbe potuto accadermi tutto quello che poi è successo.  Non l’ho fatto per lavorare perché con lui successivamente mi sono sempre rifiutata di farlo. “

I sogni da giovane di Asia Argento

Asia ArgentoAvevo 21 anni ed ero una ragazzina piena di sogni, ma non legati carriera. Avevo già girato il film per Harvey Weinstein prima di aver subito violenza da lui. Lui cambiato la percezione che avevo di me mettendo in discussione tutto quello che rappresentava una certezza. Si è scritto sui giornali che io e Harvey Weinstein ci frequentavamo nei cinque anni successivi alla violenza. È vero, ma gli incontri avvenuti erano di circostanza nei vari Festival. Era lui che mi ossessionava cercando di fotografarsi con me e con le altre attrici alle quali ha usato violenza per costruirsi degli alibi: come dire “ho le prove che sono mie amiche”.

Harvey Weinstein è riuscito ad insabbiare tutto compresa la mia prima denuncia che feci a 23 anni ai giornali e nel settore del cinema. Gli stessi a cui ho fatto denuncia però hanno coperto le sue malefatte, anche per il suo legame diretto con la politica americana. Un uomo come Harvey Weinstein faceva paura, ma faceva paura veramente.”

“ Mi dispiace che le donne italiane da vittima mi hanno messo sul banco degli imputati, ma questo è successo solamente in Italia. “

Queste sono le parole che raccontano i fatti della violenza subita da Asia Argento. Lei le ha dette. Adesso tocca anche a tutte coloro che finora non lo hanno fatto tenendosi tutto dentro, lasciando indisturbati quei mostri che circolano ancora indisturbati e sorridenti. Nel frattempo arriva la notizia che anche il fratello di Weinstein è stato accusato di violenza sulle donne.


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .