Stephen King

Bambi della Disney è il mio horror preferito

Stephen KingArriva in Italia l’attesissimo thriller horror IT , tratto dal popolare romanzo omonimo di Stephen King che terrorizza i lettori da decenni, e che diretto da Andrés Muschietti, con l’attore Bill Skarsgard ( della famosa famiglia di attori svedese) nei panni del clown dai denti aguzzi Pennywise affamato di innocenti bambini che ne fa strage nella cittadina di Derry nel Maine, ha sbancato letteralmente i botteghini in America.

Stephen King «Che cosa spaventa i bambini più di ogni altra cosa al mondo? – si è chiesto quando ha cominciato a pensare all’idea del libro –  ma un clown

«Poi  ho voluto rappresentare – continua a raccontare Stephen King – una tranquilla città americana nelle mani di questa creatura demoniaca ed ho fatto di questa idea la struttura del mio libro.»

Il successo di IT in America è incredibile per un film horror: cosa spinge il pubblico verso questa storia?

Stephen King «I film Horror sono molto potenti. In alcuni casi ci viene data l’opportunità di vivere quelle profonde paure che avevamo da bambini e superarle. In questo sta il successo del film. »

Per questo lei scrive libri con temi legati soprattutto all’horror e al soprannaturale?

Stephen King «Ce li ho dentro. Il primo film che ho visto era un film dell’orroreBambi. Ricordo quel cucciolo di daino intrappolato nell’incendio della foresta: ero terrorizzato, ma allo stesso tempo divertito. Non so come spiegarlo

Il male secondo lei, esiste?

Stephen King «Credo nel male, ma è tutta la vita che mi chiedo se il male sia fuori o dentro di noi. Ma più passano gli anni, più mi convinco che il diavolo non esiste. Siamo noi il diavolo. E, se non risolviamo questo problema, prima o poi, finiremo per ammazzarci l’un l’altro

Continua a scrivere come una forma di dipendenza?

Stephen King «Certo, però man mano che il tempo passa, diventa come con la droga e l’alcol: più ne consumi, meno effetto ti fanno. Ti piace sempre, ma diventa un comportamento ossessivo-compulsivo. Di solito scrivo per sei mesi filati e poi mi fermo per 10 o 12 giorni e lascio che la storia si depositi. Guardo la televisione, suono la chitarra e lascio passare il tempo, poi vado a dormire e faccio sogni inquietanti

Qual è il film migliore tratto dai suoi libri?

Stephen King «Stand By Me è fedele al libro e ha la stessa intensità emotiva. Era stato girato con un budget ridottissimo, doveva uscire in cinque o sei sale e poi sparire e invece è diventato un successo. Anche Le ali della libertà, Il miglio verde e Misery sono dei gran film. Cujo poi è fantastico

E di IT cosa ne pensa?

Stephen King « É bellissimo, mi sono meravigliato io stesso di come è venuto. Ho dovuto vederlo per la seconda volta perché alcune cose mi erano sfuggite, ma sono sicuro che piacerà molto ai miei lettori di tutto il mondo

 

Guarda il trailer…


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .