Kuniyoshi a Milano con la mostra Il visionario del mondo fluttuante

Dal 4 ottobre al Museo della Permanente

Kuniyoshi Kuniyoshi è l’artista più rappresentativo della tecnica artistica denominata Ukiyo che divenne popolare nella seconda metà del XVII nella città di Tokio – l’allora Edo. Gli Ukiyo-e erano prodotti poveri.  Un genere di stampa artistica giapponese su carta, impressa con matrici di legno che così tanta influenza ha avuto sulla cultura dei manga, degli anime (film di animazione giapponesi e non), dei tatuaggi e della cultura pop in generale contemporanea.

Stampe per il popolo

Le stampe erano destinate al popolo giapponese che non poteva permettersi opere pittoriche per arredare le proprie pareti di casa e ritraevano appositamente scene di vita quotidiana o soggetti molto vicini alla gente comune. Kuniyoshi ne fu un protagonista attivo, aiutato probabilmente dalla sua esperienza come disegnatore di tessuti acquisita per aiutare l’attività del padre. Secondo alcuni studiosi di Kuniyoshi questo costante esercizio ha influito sull’artista per l’uso di una fertile ricerca dei colori.

E ora per la prima volta anche l’Italia, in quel di Milano, renderà omaggio a Kuniyoshi, maestro indiscusso di inizio Ottocento dell’ukiyoe, con una mostra al Museo della Permanente.

I soggetti

Mondi bizzarri, paesaggi visionari, donne bellissime, ma anche attori kabuki, gatti, carpe e animali mitici e fantastici, oltre a leggendari eroi, samurai e briganti.  Sono tutti protagonisti delle opere di Utagawa Kuniyoshi (1797-1861) a cui, negli ultimi anni, in Giappone e nel mondo, son state dedicate numerose mostre.

Kuniyoshi La mostra Kunyioshi

Il visionario del mondo fluttuante, prodotta da MondoMostre Skira e curata da Rossella Menegazzo, che si apre il 4 ottobre al Museo della Permanente di Milano (fino al 28 gennaio 2018), presenta la produzione di Kuniyoshi nella sua interezza, evidenziando la strabiliante capacità tecnica e inventiva di questo maestro visionario attraverso una selezione di 165 silografie policrome, tutte provenienti dal Giappone.

Il percorso si divide in 5 sezioni tematiche: Beltà;  Paesaggi; Eroi e guerrieri, Animali e parodie e Gatti. Questa ultima sezione, Gatti, è dedicata alla passione forse più grande di Kuniyoshi , per la quale moltissime persone lo conoscono, e che, insieme agli eroi, costantemente presenti in tutta la sua opera, è uno dei temi che rendono la sua personalità ancora più misteriosa ed eccentrica.


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .