Nazionale italiana di calcio il momento è decisivo

Troppi i punti di domanda

Nazionale Il periodo di qualificazione per i Mondiali di Russia 2018 vede, al termine di questa sosta estiva del nostro campionato, la Nazionale italiana riscattarsi dopo la magra figura di Madrid e, nonostante un brutto primo tempo, battere  l’Israele con una zuccata di Immobile al 53′.

Malissimo contro la Spagna, così così contro l’Israele e comunque tre punti d’oro alla fine per una nazionale italiana ormai destinata ai play off anche perché l‘Albania è stata bloccata dalla Macedonia con il punteggio di 1-1. Ora la classifica ci consolida al secondo posto con punti 19 con la Spagna che ne ha 22 mentre terza è l’Albania a punti 13.

Un giudizio?

Tante le critiche per la nostra nazionale, per il CT, per Buffon e per altri giocatori; troppo brutti contro la Spagna e troppo poco si è fatto contro Israele.  Rimangono però i punti in classifica che ci porteranno quasi certamente ai play off contro nazionali di livello sulla carta inferiori (l’Italia sarà testa di serie).  E qui non potremo sbagliare.  Cosa non è andato? Il modulo? Troppo spregiudicati, poca incisività in attacco, poca personalità in campo.

Una nazionale che merita fiducia questo sì e sono anche convinto che ai mondiali ci andremo ma a mio parere i ruoli vanno rispettati. Insigne è un talento incredibile ma al Napoli gioca in una maniera ed in nazionale in un’altra. Verratti è una mezz’ala o un riferimento centrale? E poi, come è possibile far giocare Spinazzola che in quest’inizio di campionato non ha giocato neppure una gara. Contro la Spagna poi non era forse meglio un centrocampo più solido, più quadrato con meno fronzoli e più fisico e gamba?

Una nazionale che merita rispetto, questo sì, ma ormai siamo alle fasi finali e siamo ai momenti decisivi, occorre non sbagliare più niente perché se no la Russia la vedremo soltanto dal televisore facendo il tifo per la Spagna o per la Germania.

Sarà il 17 Ottobre a Zurigo a dirci chi incontreremo sulla strada nel cammino verso Russia 2018. Non sarà una semplice formalità e i nostri dovranno faticare per conquistare l’agognato traguardo.

Chi parteciperà al sorteggio? 

Saranno le migliori 8 seconde classificate nei 9 gironi di Qualificazioni Mondiale Russia 2018. Ma in base a che cosa si decidono le “migliori” 8 seconde? Il ragionamento è molto semplice. 9 gironi, quindi 9 seconde. Hanno diritto ad accedere ai sorteggi le 8 seconde classificate che hanno totalizzato più punti contro le rivali del proprio girone, scartando l’ultima in classifica del girone.

Come funziona il sorteggio?

Le migliori 8 nazionali saranno divise in due urne in una saranno presenti le 4 teste di serie (e cioè Portogallo, Svezia, Islanda e la nazionale italiana), nell’urna numero 2 le altre 4 squadre rimanenti. Chi viene considerato testa di serie? Le nazionali con il Ranking FIFA maggiore (aggiornato al 16 Ottobre) saranno inserite nelle teste di serie. Se a fine gironi di qualificazione la situazione dovesse rimanere tale, l’Italia potrebbe pescare una squadra nazionale tra Irlanda del Nord, Bosnia, Montenegro o Slovacchia.

Quando si giocheranno le sfide?

Due partite di andata e ritorno, il 9 Novembre e il 14 Novembre. A decidere chi sarà la prima nazionale a giocare la partita di andata in casa (o in trasferta) sarà un secondo sorteggio, effettuato subito dopo l’estrazione in cui si stabiliscono gli accoppiamenti delle varie nazionali.    


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .