Venezia 74 Schrader è già da Leone

Il film di Paul Schrader apre il festival e pare sia già tra i favoriti

venezia 74Pronti via e Venezia 74 ha già il suo primo ruggito. Parte a mille la 74esima edizione del Festival del Cinema di Venezia con un grandissimo autore e la sua visione del mondo. E’ Paul Schrader il primo a gettarsi nella mischia e a smuovere le acque della laguna. Il suo First reformed ha raccolto moltissimi pareri positivi tanto che si parla già di papabile Leone d’Oro. Un film spirituale che parla ad ognuno di noi ma che parla anche dell’America di oggi, dice Schrader “E’ una meditazione sul nostro mondo e sulla sua spiritualità“. Ma è anche un thriller sui generis “Sono tempi seri e quindi era il momento di un film serio” a risposta del suo precedente e spassosissimo Dog eat Dog.

Trama di First Reformed

Un film incentrato sulla spiritualità, con Ethan Hawke nella parte del pastore di una piccola chiesa perennemente vuota. Ex cappellano militare, Toller è devastato dalla perdita del figlio, che lui stesso aveva incoraggiato ad arruolarsi nelle forze armate. Travagliato da un forte dissidio spirituale, la sua fede viene ulteriormente messa alla prova quando la giovane Mary e il marito Michael, ambientalista radicale, si rivolgono a lui per aiuto. Consumato dal pensiero che il mondo stia per essere distrutto da grandi e spietate corporation, complici della Chiesa in loschi traffici, Toller decide di intraprendere un’azione molto rischiosa, con la speranza di riuscire a ritrovare la fede provando a rimediare ai torti subiti da tante persone.

Scharder ha commentato così il suo film

Quando ero più giovane, scrivevo e apprezzavo film di argomento spirituale, ma non immaginavo che ne avrei mai diretto uno. Nel 2013, mentre tornavo a casa dopo essere stato a cena con Paweł Pawlikowski, il regista di Ida, ho pensato tra me e me: “È ora che anche io scriva qualcosa del genere”. First Reformed è una sceneggiatura che dentro di me preparavo da quasi cinquant’anni: non appena ho cominciato a scriverla, è arrivata subito perché era già pronta. Sono convinto che un artista non dovrebbe precludere interpretazioni delle proprie opere, ma al contrario evocarle“.

Cresciuto in una comunità calvinista in Michigan, il rapporto con la religione è stato fondamentale nella vita di Schrader. “È il mio background, sono stato educato così. La domenica, dopo la messa, andavamo a casa della nonna e gli zii facevano a gara a raccontare storie per intrattenerci“. Ha proseguito poi durante la conferenza stampa “Attività decisamente più stimolante che crescere incollati al piccolo schermo. Non mi era permesso vedere film né conoscevo nessuno che lo facesse. Quando, con uno stratagemma sono riuscito a vedere il disneyano Un professore fra le nuvole con Fred MacMurray mi sono detto: ma è tutto qui?“.

Schrader è particolarmente legato a Venezia, nel 2013 per Venezia 70 presentò il documentario sperimentale Future Reloaded.


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .