Gaber raccontato dall’amico Alloisio

Il ritratto di un uomo e di un genio

GaberE’ firmato da Gian Piero Alloisio e s’intitola “ Il mio amico Giorgio Gaber ” il libro che a settembre sarà reperibile nelle librerie italiane e che ricorderà i 15 anni della scomparsa del grande cantante e attore. L’autore è stato amico e collaboratore di Gaber: per quattordici anni, con lui, ha composto canzoni, testi teatrali, sceneggiature di film, pezzi di varietà. Lui stesso, nato a Ovada 61 anni orsono, è cantautore e drammaturgo. Oltre all’amico Giorgio Gaber ha collaborato con numerosi artisti e cantanti da Enzo Jannacci a Francesco Guccini, da Gianni Morandi a Ombretta Colli – moglie di Giorgio Gaber – e altri ancora.

Ma non finisce qui

Alloisio ha prodotto una cinquantina di piece teatrali, oltre duecento canzoni, opere musicali ricordando Umberto Bindi, Piero Ciampi e ha allestito lo spettacolo di “teatro-canzone” Il mio amico Giorgio Gaber . Stesso titolo del libro che racconterà – c’è da scommetterlo – la vita anche dietro le quinte di un genio della canzone con la grande propensione per l’ironia senza veli o circonvallazioni linguistiche. Giorgio Gaber era molto diretto e sia nei suoi branileggeri” sia in quelli impegnati è stato tra coloro che diceva pane al pane e vino al vino ma con eleganza e stile. C’è dunque molta attesa per l’elaborato di Gian Piero Alloisio che potrebbe svelare il percorso artistico e di vita di un personaggio vero che anche le più giovani generazioni conoscono, almeno per certe sue canzoni. Brani che non sono mai passati di moda e quindi non conoscono l’oblio ma l’eterna freschezza dei “classici”.

Il libro su Giorgio Gaber è edito da DeA Planeta libri – Utet

Ma se la maschera di Giorgio Gaber artista ci restituisce ancora oggi l’immagine di un uomo solitario e un po’ scontroso, tanto geniale quanto difficile, Alloisio ci fa notare nel suo testo che invece intorno a lui si era creato da subito un giro di amici e collaboratori, musicisti e parolieri come Dario Fo, Enzo Jannacci e Sandro Luporini o insospettabili come Franco Battiato.

Gian Piero Alloisio era tra questi, da qui l’urgenza di raccontare questa strada percorsa insieme con “ Ombretta e la famiglia, gli amici di sempre, i giochi e gli scherzi ma anche le grandi “incazzature” politiche, i progetti ambiziosi e i grandiosi disastri economici. Il ritratto di un uomo e di un genio, certo, ma anche l’affresco jazzato di una città e di un’epoca: la Milano di Gaber ” – leggiamo nella presentazione -.


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .