Serie A inizio con il botto per tutte le grandi

Protagonista è l’assistenza Var ecco le dichiarazioni

Serie A iniziato senza grosse sorprese. Le grandi hanno vinto, solo la Lazio ha fatto pari con una neopromossa, la Spal di mister Leonardo Semplici, debuttante anche lui come tecnico in serie A .

Per ritrovare 5 vittorie alla prima giornata di campionato di serie A da parte di Juve, Inter, Milan, Roma e Napoli bisogna risalire alla stagione 1985-86, torneo conclusosi con la vittoria dei bianconeri. Raro, trovare un debutto così convincente da parte delle big che spesso e volentieri si sono fatte beccare impreparate al debutto in campionato. L’anno scorso, ad esempio, l’Inter perse clamorosamente 2-0 a Verona col Chievo ed il Napoli non andò oltre il 2-2 col Pescara. L’anno prima, l’ecatombe coi k.o. di Milan, Juventus e Napoli, il pari della Roma e un solo successo, quello dell’Inter sull’Atalanta.

La classifica

Ora la classifica dopo la prima di campionato di serie A vede a 3 punti oltre alle 5 big anche la Sampdoria del bomber Quagliarella ed il Chievo di mister Rolando Maran e con forse le maggiori sorprese in negativo per Fiorentina e Atalanta, ferme a zero punti in graduatoria. Ma la vera grande novità di questo campionato è l’introduzione della Var (Video Assistant Referees), il nuovo supporto tecnologico che dovrebbe limitare gli errori arbitrali e far tacere quelle contestazioni che accompagnano quasi tutte le partite di calcio.

Le dichiarazioni degli addetti

Dobbiamo essere tutti preparati, e così pure i media, su questo progetto del Var: noi abbiamo fatto un lavoro mostruoso, se il progetto funziona è la vittoria di tutto il calcio“, così Nicola Rizzoli, neo designatore Can A, nel corso della tradizionale cerimonia di inizio campionato, alla presenza dei vertici federali e tecnici, dei 45 arbitri di serie A e B e dei 44 assistenti della massima serie.

Una cosa deve essere chiara – ha ribadito – la decisione finale sarà comunque come sempre, solo ed esclusivamente dell’arbitro, l’obiettivo all’inizio è la massima accuratezza della decisione con minima interferenza e massimo beneficio. Il gioco dovrà mantenersi il più fluido possibile, il Var sarà utilizzato solo per chiari errori su situazioni di protocollo“. Ha aggiunto Roberto Rosetti, responsabile italiano del progetto Var: “Il vero obiettivo per tutto questo campionato è di migliorare il gioco del calcio e dare maggiori garanzie alle federazioni, alle leghe, ai giocatori e soprattutto un maggior aiuto agli arbitri“.

Il primo Var-frame

Ed il ricorso alla Var si verifica subito, fin dalla prima gara di campionato di serie A . A Torino, la video assistenza inizia il proprio lavoro con un successo: dopo 36 minuti e 51 secondi, per la prima volta nella storia del calcio italiano, il VAR viene utilizzato dall’arbitro Maresca in Juventus-Cagliari. Siamo sull’uno a zero per i bianconeri quando Alex Sandro commette fallo su Čop: il rigore non viene concesso immediatamente, ma il guardalinee blocca la battuta dell’angolo a favore del Cagliari perché il VAR è in fase di elaborazione. Poi il segnale dell’arbitro Maresca, il ricorso ai frame e alle sequenze video e la concessione del rigore, netto già a velocità naturale.

Minuto e secondo che resteranno nella storia del calcio italiano, così come la parata di Buffon che di fatto inibisce il Cagliari, che dagli undici metri avrebbe potuto invece riaprire la partita.

Poi tanti altri casi nel corso di questa prima giornata di campionato con ricorso alla Var. Così i pareri degli addetti ai lavori: ” Favorevoli un po’ tutti per questa cosiddetta moviola, occorre abituarsi ma è un sistema innovativo ed utile, occorre più che altro migliorare le tempistiche per le decisioni da prendere”. E così sia!


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .