“ Toulouse-Lautrec Il mondo fuggevole “ a Palazzo Reale per le Grandi mostre d’autunno

Dipinti litografie acqueforti e i celebri manifesti dell’artista in esposizione

Toulouse-Lautrec Per la serie “grandi mostre d’autunno” torniamo a Milano, a Palazzo Reale, dove il 17 ottobre aprirà al pubblico “ Toulouse-Lautrec Il mondo fuggevole ” una imponente monografica dedicata allartista simbolo della “Belle époque”. La mostra si propone come una panoramica sull’intero percorso artistico di Henri de Toulouse-Lautrec (1864-1901) attraverso 250 opere provenienti dal Musée Toulouse-Lautrec di Albi, da importanti musei e collezioni internazionali e da diverse collezioni private.

Composizione della mostra

35 i dipinti in esposizione, oltre a litografie, acqueforti e la serie completa dei 22 celebri manifesti per un racconto che penetra proprio attraverso l’opera di Toulouse-Lautrec , una Parigifin de siècle” dalle tinte contrastanti. Qui l’aristocratico reietto, l’artista maledetto e il bohémien che si distrugge con l’alcol si muove tra la luce abbacinante dei luoghi di divertimento e l’oscurità dei bassifondi.

Artefice di un realismo personalissimo, dinamico, moderno fino ai limiti del profetico, Toulouse- Lautrec coi suoi dipinti e più ancora coi manifesti, le stampe, le illustrazioni per giornali e riviste, porta il linguaggio delle avanguardie ad un vasto pubblico. Un nesso culturale e di nascita lo collega ad artisti, interpreti, autori, intellettuali e personalità della società del suo tempo, ma lui preferisce il quartiere popolare di Montmartre finendo per diventare una sorta di ponte tra i bordelli e i salotti colti. Così oggi si può leggere il suo lavoro, come una porta verso la vita pariginafin de siécle”: dalla politica alla cultura visiva, dai divertimenti autocratici come le corse dei cavalli a Longchamp alle passeggiate sul Bois de Boulogne, all’ascesa di quelle forme d’intrattenimento popolare come cabaret e caffè-concerti.

Attrici Cantanti e Ballerine

Luoghi popolati da quelle attrici, cantanti, ballerine che scatenano la sua fantasia. Le sue muse, come Yvette Guilbert, Loie Fuller e l’amica Jane Avril. E le prostitute che nella famosa serie Elles, che Toulouse-Lautrec raffigura durante le ore non lavorative, in tranquilli momenti di introspezione. Se sono questi i tratti salienti che ci riportano a questo artista così riconoscibile, l’analisi della sua opera ci lascia intravvedere una grande complessità e un universo radicato nel dolore di anime prigioniere della loro condizione: sia la misera o la malformazione fisica.

La mostra “ Toulouse-Lautrec Il mondo fuggevole ” , che sarà allestita fono al 18 febbraio 2018 è curata da Danièle Devynck (direttrice del Museo Toulouse-Lautrec di Albi) e Claudia Zevi, è promossa e prodotta da Comune di Milano-Cultura, da Palazzo Reale, da Giunti Arte Mostre Musei e da Electa, con il Musée Toulouse-Lautrec di Albi e l’Institut national d’histoire de l’art (INHA) di Parigi.


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .