Bruno Canfora un Maestro di eleganza nella tv che fu

Con lui scompare un altro grande della televisione e della canzone italiana

Bruno CanforaAveva 92 anni ed una lunga carriera alle spalle non solo come musicista, compositore, arrangiatore ma anche come consulente in diversi successi Rai. Bruno Canfora , arcinoto nel mondo dello spettacolo, ci ha lasciato, l’altro giorno, nella sua villa non distante da Perugia. Il musicista e direttore d’orchestra è stato tra i grandi personaggi televisivi degli anni Sessanta. Era noto anche per aver composto canzoni interpretate dai big della canzone italiana: da “Da-da-umpa” alla “La notte è piccola per noi” (brani questi che hanno contribuito al successo delle Gemelle Kessler ) a “Il ballo del mattone” cantato da Rita Pavone,Stasera mi butto” (Rocky Roberts), “Geghegè”, “La Vita, “Vorrei che fosse amore”, “Sono come tu mi vuoi”, eccetera.

Grandi programmi e grandi nomi

Con Bruno Canfora decollarono programmi di culto come Canzonissima, Studio Uno e con lui lavorarono celebrità come Manfredi, Panelli, Delia Scala, Mina, Rita Pavone, Rocky Roberts. Bruno Canfora può essere definito un grande musicista popolare che ha contribuito a far diventare grande la tv di Stato e che aveva la musica in ogni fibra del suo essere. Alla sua creatività sono infatti dovute una lunga serie di canzoni che ancora fischiettiamo e che comunque, se accennate, non fanno che risvegliare – almeno per gli adulti – nostalgiche atmosfere. La notizia ha lasciato un profondo turbamento nel mondo della televisione.

Negli ultimi mesi persone che avevano contribuito a scrivere attraverso la tv la storia sociale del nostro Paese ci hanno lasciato. Piombi, Limiti e l’anno scorso Luciano Rispoli. Pagine di una televisione d’altri tempi dove lo spettacolo manteneva una sua “purezza”, sembra un secolo fa rispetto alle commistioni contemporanee dove per “fare spettacolo” si ricorre a qualsiasi personaggio, anche il più improbabile.

Bruno Canfora – secondo il figlio Daniele che aveva dato la notizia della scomparsa del papà – è stato tumulato, dopo un funerale riservato, nel piccolo camposanto di località Piegaro, dove il maestro era nato.


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .