Locarno 70 Fanny Ardant diventa un lui

In Lola Pater, film non in concorso, l’attrice ha stupito tutti

locarnoFanny Ardant, una delle colonne del cinema francese, una di quelle dive al pari di Catherine Deneuve, Brigitte Bardot, Isabelle Huppert e Juliette Binoche, protagonista di tanti stupendi film come La signora della porta accanto, Finalmente domenica (del compagno Francois Truffaut) e L’Amour à mort, alla veneranda età di -non si dicono gli anni delle signore- si ritrova a suo agio nei panni di un uomo che è diventato una donna. Occorre un super tuffo carpiato per capire che cosa succede nel suo ultimo film presentato in Piazza Grande al 70esimo Festival del cinema di Locarno , dal titolo Lola Patern.

La trama di Lola Patern

Dopo la morte di sua madre, Zino decide di ritrovare il proprio padre, Farid. Ma da 25 anni, Farid è diventato Lola.
Ardant diventa un trans e sorprende pubblico e critica, totalmente in estasi davanti alla bravura dell’attrice. Penserete che sia facile per una donna interpretare, in ogni caso, una donna, ma qui siamo di fronte a un uomo diventato donna. L’abilità di Fanny è stata proprio nel saper ricreare quei piccoli gesti, quelle insicurezze, quelle movenze che sono naturali in una donna ma sono artefatte e costruite in un uomo trasformatosi nel corpo di una donna. Una gabbia con cui lottare e successivamente una maschera fortemente voluta.

Alla regia di Lola Patern c’è Nadir Moknèche, nato nel 1965 a Parigi. Ha studiato arte drammatica tra Parigi e New York. Nel 2000 ha diretto il suo primo lungometraggio, Le Harem de Mme Osmane, seguito da Viva Laldjérie (2004) e da Délice Paloma (2007) – che ha ottenuto il premio Louis Lumière.

Una performance della Ardant che sorregge l’intero film e forse ne eleva il giudizio finale del pubblico. Lola pater non brilla certamente per una sceneggiatura traballante ma giustamente costruito come un abito sulla sua protagonista. Di fatto, per gli evidenti difetti del film, la prova di Fanny Ardant meriterebbe ancora più punti.

Qui sotto il trailer in francese. Non ha ancora una distribuzione in Italia o in italiano e a Locarno per ora ha esaurito le proiezioni ma rimanete in zona perchè potrebbero uscire delle proiezioni extra, come è prassi del festival.


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .