La Strage di Bologna una carrellata Rai per il giusto ricordo

La Rai da protagonista della memoria

BolognaA Bologna, domani, 2 agosto 2017 sarà ancora un’altra giornata del ricordo. Un altro anniversario senza una verità per i familiari delle 85 vittime del più grave attentato terroristico nella storia della Repubblica. Una strage senza mandanti quella della Stazione di Bologna, una storia ultratrentennale fatta di depistaggi e ipotesi avventate, di decine di nomi portati a vario titolo ai banchi degli imputati, senza che, dopo aver più o meno chiarito il come, un tribunale sia riuscito a spiegare il perché.  Nomi che fanno ombra sulla verità, come quello di Licio Gelli, maestro venerabile della P2 condannato per depistaggio, così come l’ex agente del SISMI Francesco Pazienza e gli ufficiali del servizio segreto militare Pietro Musumeci e Giuseppe Belmonte; come quello di Francesco Cossiga e delle sue dichiarazioni sbagliate, poi ritrattate; e poi le decine di personaggi della criminalità organizzata, della massoneria deviata, del terrorismo nero che in questa vicenda sono entrati o hanno sfiorato in quale modo. La verità giudiziaria, a 37 anni di distanza, ci parla solo degli esecutori materiali, i terroristi di estrema destra Francesca Mambro e Valerio Fioravanti, esponenti dei Nar, assieme a Luigi Ciavardini, all’epoca dei fatti minorenne.

Bologna ricorda

La sfida che ci attende, dopo 37 anni, è quella della memoria: come tramandarla e come saperla tradurre. A Bologna se si chiede quando si parte per le ferie la risposta è il 3 agosto, perché il 2 agosto c’è la commemorazione. Essere cittadini di Bologna vuole dire anche essere consapevoli che dobbiamo trasmettere la memoria, diffonderla fra le giovani generazioni”. Così il sindaco Virginio Merola, alla conferenza di presentazione degli eventi commemorativi che accompagneranno questo 37mo anniversario della strage.

Un programma intenso (che si può leggere qui http://www.comune.bologna.it/news/xxxvii-anniversario-della-strage-alla-stazione-di-bologna-del-2-agosto-1980 ) e che diventa commozione pura nella memoria tramandata attraverso le storie di chi quella bomba ha spazzato via: vite di giovani e di adulti, di bambini come Angela, 3 anni, la vittima più giovane. Dodici percorsi, dalle 11 alle 23, in altrettanti punti della città, ripercorreranno attraverso la voce di  altrettanti narratori, la vita di ognuna delle 85 vittime, a ricordarci tutti gli universi spazzati via in quella mattina del 2 agosto del 1980, alle 10.25 di un mattina che doveva essere come tutte le altre.        

BolognaIl Sindaco Zangheri    

Il sindaco di Bologna, Renato Zangheri, intellettuale ed esponente del PCI, alla strage risponde con fermezza. Dando voce alla città ferita al cuore, pone pubblicamente domande precise, il sindaco regisce e con lui la città.  Il racconto di quei giorni è contenuto nel documentario “Non arretreremo!  –  Zangheri, il sindaco professore”, di Mauro Bartoli e Lorenzo K. Stanzani, in onda stasera, martedì 1 agosto alle 21.10 su Rai Storia (in replica il 2 agosto alle 9.30). Tra le iniziative di Zangheri, due momenti restano memorabili: il discorso in una Piazza Maggiore, gremita di folla, a fianco del Presidente Sandro Pertini; e la grande manifestazione culturale promossa un anno dopo la strage, con Carmelo Bene che legge la Divina Commedia dall’alto della torre degli Asinelli.

La programmazione speciale della Rai

Documentari, film, approfondimenti giornalistici, collegamenti in diretta, ma anche musica e speciali Web. Particolarmente intensa sarà, domani 2 agosto, la programmazione speciale della Rai.

Rai1 apre con “UnoMattina estate”, in onda alle 7.10, che propone un collegamento con la stazione del capoluogo emiliano e approfondimenti con ospiti. Nel pomeriggio, alle 15.30, “La vita in diretta estate” dedica un ampio spazio alla ricorrenza. In studio, Maria Pia Ammirati, direttore Rai Teche e autrice del libro “Due mogli. 2 Agosto 1980” e un  rappresentante dell’Associazione Familiari delle vittime.

Su Rai3, si comincia alle 8.00 con la commemorazione della strage in “Agorà estate” e si prosegue alle 15.00 con “Bologna 2 agosto 1980. La strage’’, uno speciale di “La Grande Storia” che ricostruisce la giornata drammatica e quelle immediatamente successive.

In serata, infine, anche “Blob” ricorderà a suo modo l’anniversario.

Ovviamente tutte le Testate giornalistiche, dedicheranno ampie parentesi alla commemorazione. In particolare con la Tgr Emilia Romagna e con RaiNews24 che seguiranno in diretta tutte le manifestazioni previste per il 37° anniversario della strage.

Rai Movie affida il ricordo a un film, in onda alle 16.00: è “L’estate di Martino” di Massimo Natale con la sceneggiatura di Giorgio Fabbri, interpretato da Treat Williams, Luigi Ciardo e Matilde Maggio. Il film racconta gli eventi compresi tra il 27 giugno 1980 – la tragedia del DC-9 dell’Itavia precipitato a Ustica – e il 2 agosto, giorno della bomba alla Stazione di Bologna, alle cui vittime il regista ha dedicato il film.

Per Rai Cultura, mercoledì 2 agosto, oltre al documentario sul sindaco Zangheri, Rai Storia ricorda l’anniversario proponendo alle 00.10 e in replica alle  08.30, 11.30, 14.00 e 20.30 “Il giorno e la Storia”, che ricostruisce la complessa vicenda giudiziaria seguita alla strage.

Il Webdoc

Un Webdoc ( www.cultura.rai.it/webdoc/ ) con video selezionati dalle Teche Rai è stato realizzato da Rai Storia per l’anniversario. E’ un montaggio di contenuti esclusivi per “rivedere” quel giorno, il modo in cui ne parlarono Tg e media dell’epoca, il ricordo delle vittime, le lunghe vicende processuali, il parere degli storici, le foto, le grandi inchieste della Rai come quella di Sergio Zavoli.

La programmazione televisiva di Rai Cultura per l’anniversario della strage si concluderà venerdì 11 agosto alle 22.15 con Rai5 che presenta la “XXIII edizione Concorso Internazionale di Composizione 2 Agosto” con un documentario sul concerto che chiude la 23esima edizione della manifestazione.

L’anniversario della strage alla stazione di Bologna sarà ricordato anche su Radio Rai,  nelle varie edizioni dei Gr e in uno spazio dedicato all’interno di “Radio Anch’Io” di mercoledì 2 agosto.