In scena la Carmen al parco della Fondazione Sangregorio di Sesto Calende

Silvia Priori Interpreta lo spettacolo di Teatro Opera

CarmenDopo la straordinaria carrellata di spettacoli del ricco cartellone del Festival Terra e Laghi che da giugno hanno riempito le piazze dell’ Insubria, volentieri vi segnaliamo il prossimo grande evento: venerdì  28 luglio alle h 21 nel suggestivo parco della Fondazione Sangregorio (Fraz. Cocquo) a Sesto Calende (VA) andrà in scena CARMEN Teatro Opera Prod. Teatro Blu, da uno studio su “Carmen” di Prosper Merimè con le più belle arie di Bizet. Protagonista è la brava Silvia Priori accompagnata dalla bailaora Maria Rosaria Mottola e il mezzosoprano Caterina Piva. Regia di Kuniaki Ida. L’ ingresso è gratuito.  

Carmen è uno spettacolo di Teatro Opera per avvicinare il pubblico alla grandiosità dell’ opera lirica attraverso una miscela di teatro, canto lirico,  flamenco e musica. Lo spettacolo racconta la storia di un amore gitano che nasce, cresce e muore in cuori ardenti ed impetuosi e che tocca i vertici più alti della drammaticità. In un mondo fatto di zingari, di osti e di contrabbandieri Carmen è un personaggio rivoluzionario, fuori da ogni schema sociale, un cavallo sciolto, un’ anima inedita, vera e aderente fino alla morte a sé stessa e al suo anelito verso la libertà. Conscia della propria sensualità traboccante, della propria personalità, sarà la prima donna protagonista che dirà al pubblico “Carmen libera è nata, e libera morrà”.

“ Diserta, vieni via con me, la vita errabonda, all’ aria aperta, come tetto l’ universo, come legge la propria volontà ma soprattutto la cosa più inebriante: la Libertà, la Libertà!”

Dalla Rassegna Stampa

 “Silvia Priori ha interpretato i valori della libertà in modo ineccepibile supportata dalla bravissima bailaora di flamenco, Maria Rosaria Mottola e la coinvolgente e strepitosa voce di Caterina Piva. Carmen è un amore gitano che nasce, cresce e muore in cuori ardenti ed impetuosi e che tocca i vertici più alti della drammaticità. In un mondo fatto di zingari, di osti e di contrabbandieri. Carmen è un personaggio possibile, non è uno stereotipo di donna, ma una persona conscia della propria sensualità traboccante, della propria personalità, e sarà la prima donna protagonista che dirà al pubblico “Carmen libera è nata, e libera morrà” Legnano News

“L’attrice Silvia Priori che si è calata perfettamente nell’atmosfera e nel personaggio, annullando ogni giudizio e facendo vivere la sua versione del famoso personaggio femminile di vita propria, regalandole tutte le sfumature di una personalità complessa ed è riuscita, nell’arco di un’ora, a raccontare una vita intera e l’anima ferita di una donna”.

“Tutto si è fuso in un solo gesto e in un solo suono, restituendoci l’immagine di una Carmen immensa, alle prese con una storia tragica che aveva diritto ad un finale diverso”.

“Appena fuori dal Teatro, il pubblico si è sentito frastornato dalle emozioni, ma con la chiara consapevolezza di aver imparato qualcosa in più sulla libertà e che la vera purezza appartiene a chi è capace di vivere fino in fondo senza vendersi”. Sempione News

TEATRO OPERA UN PONTE FRA TEATRO E OPERA

Teatro Opera è un percorso artistico dedicato alle grandi protagoniste femminili dell’ opera lirica mondiale. Un progetto dedicato all’ amore visto dal punto di vista femminile e vissuto in contesti diversi. Iniziato nel 2015 con Butterfly, è proseguito nel 2016 con Carmen e nel 2017 con Traviata. Abbiamo studiato un modo innovativo per creare un ponte fra teatro e opera lirica, un modo per avvicinare all’ opera chi all’ opera non va, un modo per portare a teatro gli appassionati della lirica. Un progetto che si tuffa nell’ Arte, giocando con il teatro, la danza, il canto lirico e la musica. Sul palco tutto si mescola, le arti interagiscono armoniosamente, tutto fluttua per creare magia e sorpresa. Siamo andati alla ricerca dei canovacci da cui i compositori hanno tratto ispirazione.

Abbiamo messo a confronto le novelle con la traduzione lirica realizzata successivamente e ne abbiamo ricreato una drammaturgia che fosse in grado di rispettarne la trama e i contenuti cercando soprattutto di esaltare quei tratti e quei significati profondi che potessero avere un chiaro aggancio con la nostra realtà. Abbiamo scoperto quanto Carmen sia un personaggio fortemente attuale, scomodo, fragile e passionale. La Carmen, il capolavoro di Georges Bizet, considerata opera nazionale francese, simile all’Aida in Italia, è una storia d’amore e morte, che tocca i vertici più alti della drammaticità. L’opera, in quattro atti, su libretto di Henri Meilhac e Ludovic Halévyè è tratta da una novella di di Prosper Mérimée (1845). Teatro Blu anche in questa nuova creazione cercherà di miscelare, come consuetudine, linguaggi artistici differenti.

TERRA E LAGHI

Silvia Priori, attrice ma anche direttrice artistica di Teatro Blu è orgogliosa di presentare la programmazione di Terra e Laghi 2017, quest’ anno più che mai ricca e di grande qualità. 250 artisti provenienti da Italia, Svizzera, Colombia, Argentina, Ungheria, Giappone, Svezia, Russia, Irlanda e grandi nomi: Eugenio Bennato, Serena Sinigaglia, Tindaro Granada, Lucilla Giagnoni, Arianna Scommegna, Roberto Anglisani, Kaoru Saito, Tamas Mayor, senza dimenticare importanti presenze artistiche come il Teatro Stabile di Trieste, Fondazione Sipario Toscana, l’ Atir, Cirko Vertigo,Proxima Res, l’ Orchestra di Ottoni Brass Band 96 di Bergamo e del Conservatorio G. Verdi di Milano, i clown di Le Cirque du Soleil e dell’ Accademia Dimitri, noti registi di fama internazionale come Daniele Finzi Pasca, Gabriele Vacis, Kuniaki Ida, solo per citarne alcuni.

Da quest’ anno inoltre, gli spettacoli saranno divisi in tre macrocategorie per facilitare l’ orientamento degli spettatori: Teatro Prosa (Spettacoli che assemblano Teatro d’attore, teatro opera, teatro di narrazione, teatro di ricerca, teatro danza, teatro concerto); Teatro Family (Spettacoli indirizzati a bambini e famiglie) e Teatro Circo ( Spettacoli che mescolano l’arte teatrale alle arti circensi, acrobatiche, di mimo, di giocoleria).  Terra e Laghi, inoltre, dilata nel tempo la sua presenza da giugno a novembre e si estende, proseguendo il viaggio iniziato lo scorso anno attraverso la Macroregione Alpina e portando il suo abbraccio nei più bei teatri delle 7 Regioni italiane (Lombardia, Piemonte, Liguria, Valle d’ Aosta, Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia), nei teatri dell’ Austria, Francia, Germania, Slovenia e Svizzera.

Primo Festival Internazionale di Teatro nell’Insubria e nella Macroregione Alpina, mescola e valorizza storie personali e collettive, storie di confine, storie di terre e territori. Nato con l’ idea di creare legami e connessioni tra comunità, enti e istituzioni appartenenti alle aree di confine per valorizzarne le innumerevoli bellezze paesaggistiche, architettoniche ed artistiche, si è trasformato negli anni in un vero e proprio network, in una grande comunità in cui convivono e operano con passione una moltitudine di identità a volte davvero molto diverse, ma unite dalla voglia e dal bisogno di DARE alle persone e al territorio e di FARE qualcosa di vero e concreto, che speriamo possa rivelarsi potente ed efficace per tutti coloro che lo incontreranno.  L’arte, la cultura, il teatro, hanno il potere di cambiare molte cose e molte vite, per questo ringraziamo di cuore tutte le persone, gli enti, le istituzioni, gli artisti che ci hanno meravigliosamente sostenuto e che hanno collaborato con noi anche quest’anno, chi lo ha fatto negli scorsi anni e chi lo farà in futuro.

Silvia Priori Presidente – Direttore Artistico di Teatro Blu

 Nel 1987 si diploma attrice presso la Scuola d’Arte Drammatica “Paolo Grassi” di Milano – ex Piccolo Teatro. Lavora presso Teatri Stabili italiani e Gruppi di ricerca teatrale confrontandosi con numerosi registi:

Massimo Castri, Caporossi e Remondi, Marcello Bartoli, Gianfranco Mauri, Gianpiero Solari, Yves Lebreton, Bolek Polivka, Tadeuz Kantor, Daniele Finzi Pasca, David Haugton della Lyndsay Kamp Company, Henrik Baranowky della Kunstlerhaus Bethanien di Berlino, Gigi Tapella, Sandro Sequi, Cesare Lievi, Eugenio Bennato, Moni Ovadia, Cesar Brie, Gabriele Vacis, Eugenio Bennato, Kuniaki Ida. Nel 1989 fonda con Daniele Finzi Pasca Teatro Blu all’interno del quale lavora come attrice, drammaturga, regista e creatrice di eventi internazionali. Nel 1995 nasce la collaborazione con Roberto Gerbolès, artista argentino proveniente dalla Scuola Teatro Dimitri di Verscio con il quale tutt’ oggi progetta e scrive numerosi spettacoli.

Lavora per la televisione e il cinema ed in particolare è attrice nel film “Terra Bruciata”, diretta da Andreas Pfeffly e presentato al Festival del Film di Locarno. E’ creatrice di grandi eventi artistici internazionali: Cadegliano Festival – Piccola Spoleto, Varese Festival dei Mondi e Terra e Laghi per i quali riceve cinque medaglie di merito da parte dell’ ex Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. E’ impegnata nella creazione e circuitazione di produzioni teatrali in veste di attrice, regista e drammaturga che circuita in prestigiose Rassegne e Festival fra cui il Festival dei Due Mondi di Spoleto, Santarcangelo e il Festival La Versiliana.  

Dirige seminari di Teatro per Istituti scolastici e universitari in Italia, Svizzera, Germania e Sudamerica. Dà vita ad un progetto chiamato Teatro Opera, un ponte per avvicinare i giovani alla grandiosità dell’ opera lirica e realizza una trilogia dedicata all’ amore con Butterfly, Carmen e Traviata. Attualmente è in torunèe europea insieme a Roberto Gerbolès con “Giulietta e Romeo” e “Carmen” in Italia, Francia, Belgio, Germania, Svizzera, Austria e Slovenia. E’ stata insignita di 5 medaglie di merito dall’ ex Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .