Suburra la serie Dall’6 ottobre su Netflix

Annunciata oggi l’ufficialità della data e rilasciato un primo trailer

SuburraHabemus datam, il 6 ottobre arriverà su Netflix l’attesissima serie di Suburra, adattamento del romanzo omonimo di Carlo Bonini e Giancarlo De Cataldo, e sorta di prequel del film già arrivato al cinema l’anno scorso. Costata più di 100 milioni di euro, produzione interamente italiana e distribuita in 10 paesi in tutto il mondo, la prima stagione sarà composta da 10 episodi.

La trama di Suburra la serie:  un crime thriller ambientato a Roma e racconta lo scontro tra chiesa, stato e criminalità organizzata, confondendo i limiti della legalità e dell’illecito nella loro feroce ricerca del potere. La storia si concentra su tre giovani uomini: Numero 8 (interpretato da Alessandro Borghi), Spadino (Giacomo Ferrara) e Lele (Eduardo Valdarnini), diversi per origine, ambizioni e passioni, i quali sono chiamati a fare alleanze per realizzare i loro desideri più profondi.

Nel cast saranno presenti anche Claudia Gerini, Filippo Nigro, Francesco Acquaroli e Adamo Dionisi, quest’ultimo presente nell’adattamento cinematografico di Stefano Sollima.

A dirigere gli episodi non tornerà tuttavia Sollima ma a suddividersi l’onere saranno Michele Placido, Andrea Molaioli e Giuseppe Capotondi, il primo che ha già avuto a che fare con un progetto film-serie tv con Romanzo Criminale.

E’ la terza grande produzione italiana incentrata su tematiche molto simili, tra criminalità, chiesa e eventi realmente accaduti. La prima è stata Gomorra La serie, produzione SKY arrivata alla seconda stagione e autentico fenomeno mediatico. Poi sempre SKY ha proposto 1992, da un’idea di Stefano Accorsi, dove sono stati approfonditi gli eventi collaterali che portarono a Tangentopoli

E’ un grande periodo per le serie tv italiane e per il cinema di genere. Se pensiamo che solo fino a poco fa, questi stessi attori erano impelagati in serie…pardon fiction, come Don Matteo, I Cesaroni o Un medico in famiglia, non ci sembra vero.  Avanti così!


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .