Ermal Meta è diventato adulto ecco tutte le date dei concerti in Italia

A novembre e dicembre il tour diventa internazionale

Ermal MetaSe il bilancio del primo anno dal solista è la sfilata di premi e di dischi in metalli pregiati collezionati in questi mesi, “vietato” dubitare: Ermal Meta è diventato adulto. E non stiamo parlando dell’autore che ormai da diversi anni elargisce perle a destra e manca (tra i “clientiRenga, Chiara Galiazzo, Mengoni, Fiorella Mannoia, Patty Pravo e ci fermiamo qui in un elenco decisamente parzialee ci fermiamo qui in un elenco decisamente parziale), ma dell’interprete, impegnato sino all’autunno in quel “Vietato morire tour” che ne conferma appieno le qualità canore (e di frontman) che il grande pubblico ha imparato a conoscere nello scorso Sanremo.

A partire (non ci riferiamo all’ordine di esecuzione) da una immancabile versione in acustico di “Amara terra mia” che restituisce tutta la sua contemporaneità al brano scritto nel ’73 da Domenico Modugno su testo di Enrica Bonaccorti. Una “chicca” che a Ermal Meta ha consentito di stravincere la serata sanremese delle cover, e che non può mancare nella scaletta di un concerto che molto gioca sui cambi d’atmosfera.

Insomma, quel brano che evoca immigrazione e lacerazioni, ora gli appartiene, e a buon diritto. E’ suo per storia, ma soprattutto per sensibilità. Eh già, il filo rosso che tiene assieme il concerto è proprio la sensibilità dell’interprete, che prescinde persino dalla sua voceimportante”. Non che l’estensione vocale o la timbrica personalissima (evviva gli interpreti di carattere) siano dettagli secondari, ma nel caso di Ermal Meta vale quell’addizione alchemica che è l’essenza stessa degli artisti veri, dove il risultato è sempre superiore alla somma dei fattori.

Sarà anche per la sua generosità, la fisicità profusa ad accompagnare una scalettadensa”, portata avanti quasi senza soluzione di continuità e che va dalle sue prime canzoni (i brani dei tempi de “La fame di Camilla” o del primo album da solista, Umano) ai nuovi singoli in rotazione radiofonica, ai pezzi che, da autore, Ermal Meta ha concesso ad altri interpreti “Era una via che ti stavo aspettando” (Renga), “Straordinario” (Chiara Galliamo), “Sempre sarai” (Moreno – Fiorella Mannoia), ultima intensa emozione a chiudere il concerto, sempre con l’immancabile accompagnamento del pubblico.

Come ci ha confermato nel corso di un’intervista post concerto, in autunno, probabilmente per il mese di novembre, Ermal Meta terrà una decina di date in Europa e un paio negli Stati Uniti e se le merita tutte.

 

LE PROSSIME DATE DEL TOUR

15 luglio Sesto San Giovanni (Mi), Carroponte

19 luglio Loano, Arena Estiva Giardino del Principe – Dreams Festival

20 luglio Torino, Area Esterna Palavela – Next Festival – POSTICIPATO AL 19 OTTOBRE AL TEATRO COLOSSEO

22 luglio Roma, Auditorium Parco della Musica – Luglio Suona Bene

26 luglio Palermo, Teatro di Verdura

28 luglio Zafferana Etnea (Ct), Anfiteatro Comunale

4 agosto Pescara, Teatro G. D’Annunzio

7 agosto Montalto di Castro, Parco Archeologico di Vulci – Vulci Music Fest

9 agosto Forte dei Marmi, Villa Bertelli

16 agosto Follonica (Gr), Arena Spattacoli

24 agosto Assisi (Pg), Lyrick Summer Arena – Riverock Fest

25 agosto Asolo, City Park – AMA Music Festival

1 settembre Mantova, Piazza Castello

3 settembre Macerata, Arena Sferisterio

3 ottobre Firenze, OBIHall

19 ottobre Torino, Teatro Colosseo


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .