Wimbledon l’erba e il terreno di gioco denunciati dai tennisti

L’erba di casa mia dell’ All England Lawn Tennis and Croquet Club non è più come una volta

WimbledonE’ una vera e propria denuncia quella che sta avvenendo a Wimbledon da parte dei tennisti in gara per il trofeo più prestigioso della stagione. Sia l’erba nonché il terreno di gioco risultano appena sufficientemente adeguati alla disputa di un grande appuntamento che ogni anno si calendarizza presso l’ All England Lawn Tennis and Croquet Club di Wimbledon.

Il Torneo di Wimbledon è un appuntamento di cartello del tennis mondiale che si svolge dal 1887 su di un’area che ospita ben 19 campi da tennis più quelli che servono per l’allenamento. Il campo centrale denominato Centre Court, da pochi anni ristrutturato ad una capienza di 15.000 posti rigorosamente a sedere, è quello destinato alle finali del torneo. Cotanta magnificenza storico – sportiva deve essere sostenuta da grandissimi professionisti del settore. Wimbledon , infatti, per il monumento del tennis che rappresenta, gode dell’assistenza dei migliori giardinieri al mondo.

Ma allora cosa è successo ai campi quest’anno ?

La polemica è nata fin dai primi giorni del Torneo veicolata da tutti i tennisti partecipanti. Ma se fino a qualche ora fa queste voci l’organizzazione del Torneo di Wimbledon era riuscita a tenerle sotto controllo, da quando si è lamentato pubblicamente anche Novak Djokovic ecco che il semplice tuono si è trasformato in un ciclone risuonando a livello mondiale su tutti i media. Nonostante il successo ottenuto sullo sfidante francese Adrien Mannarino a fine partita Novak Djokovic ha infatti così tuonato ” Anche oggi sul Centrale c’erano buche pericolose. Onestamente, i campi quest’anno non sono granché ed è l’opinione di molti giocatori. Gli organizzatori cercano di fare del loro meglio, però lo situazione è questa“.

Molti degli addetti ai lavori dell’ All England Lawn Tennis and Croquet Club hanno dato la responsabilità al clima che negli ultimi mesi ha imperversato sull’immenso prato di Wimbledon. Il caldo unito alle violente precipitazioni non hanno contribuito alla stabilità del terreno e la conseguente crescita del prato. Adesso però si sta correndo ai ripari e anche in fretta, in primis per il buon esito del Torneo. Successivamente perché i campi in erba possono essere utilizzati solamente tra il mese di maggio e quello di settembre. Inutile dire che al danno di immagine si unisce a questo punto anche quello economico.


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .