Cristiano Ronaldo ed i suoi gemellini

Il campione portoghese è diventato un multipapà

Cristiano RonaldoCristiano Ronaldo, il capitano del Portogallo e pallone d’oro, ottiene l’ok dalla federazione, lascia la Confederations Club e non disputa la finale per il terzo posto, poi comunque vinta dal Portogallo, per andare a conoscere i suoi due gemellini in America. “ Sono stato al servizio della mia Nazionale, ho dato anima e corpo anche se i miei figli erano già nati ma ora vado a conoscerli e ad abbracciarli”; così Cristiano Ronaldo è ormai già in America vicino ai suoi gemellini Eva e Matteo venuti alla luce l’8 giugno scorso da una madre surrogata, una donna cioè che accetta di affrontare gestazione e parto per conto di altri. La tecnica: fecondazione in vitro dell’ovulo, impianto dell’embrione nell’utero della portatrice e sua assistenza per tutta la gravidanza. In Italia questa tecnica di fecondazione assistita è vietata.

Ora Cristiano Ronaldo potrà dedicarsi ai nuovi fratellini del figlio Cristiano Ronaldo junior di sette anni anche lui nato da una madre surrogata. E nei prossimi mesi la cerchia dei figli del calciatore potrebbe allargarsi nuovamente perché secondo indiscrezioni riportate dalla stampa spagnola, la sua compagna Georgina Rodriguez sarebbe in attesa di due gemelli.

Cristiano Ronaldo non è il solo uomo di spettacolo ad aver scelto la tecnica dell’utero in affitto. Robert De Niro, per esempio, è ricorso per due volte ad una mamma surrogata; Nicole Kidman non ha mai fatto mistero delle difficoltà incontrate per rimanere incinta. Dopo la prima gravidanza, infatti, lei e il marito Keith Urban non erano riusciti ad allargare la famiglia nemmeno con l’aiuto della fecondazione artificiale. Da qui la decisione di ricorrere a una gravidanza surrogata che si è conclusa nel 2010 con la nascita della loro secondogenita Faith. Discorso analogo per un’altra coppia di superstar, Sarah Jessica Parker e Matthew Broderick.

Non mi sembra ora il caso di parlare dei risvolti psicologici della maternità surrogata. La donna che accetta liberamente di diventare una madre surrogata come nel caso di Cristiano Ronaldo e accetta di partorire un figlio di persone a lei estranee è comunque costretta ad affrontare certe difficoltà psicologiche dovute ad una gravidanza così particolare.

Rimane però come conclusione il valore dell’amore. Colui o colei che vengono in vita sono meravigliosi esseri umani che generano affetto ed attenzioni. Cristiano Ronaldo, in campo è un leader, ha personalità, intelligenza, umanità, e con i gemellini ora sarà sicuramente il loro leader, il loro padre. Non bastano solo i 20 milioni del suo conto corrente annuale, occorre qualcosa che non ha prezzo, ci vogliono amore e passione e tutto questo, il fuoriclasse portoghese, ha sempre dimostrato ed in ogni occasione di avere. Le sue attenzioni saranno quelle di un padre, il suo amore sarà quello di un campione.

Auguri caro papà.


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .