Banksy , svelato al mondo il mistero dell’identità dell’artista incappucciato

E’ lui o non è lui lo street artist di Bristol ?

Banksy I titoli s’inseguono. “ Banksy si chiama Robert: una gaffe avrebbe svelato il nome dell’artista segreto” (repubblica.it); oppure “ Goldie potrebbe essersi fatto scappare che Banksy è Robert Del Naja ” (Rolling stones) o il più prudente “ Forse abbiamo un nuovo indizio sull’identità di Banksy ” (il Post). Insomma, in un venerdì d’inizio estate ecco che in poche ore uno dei più grandi misteri dell’arte contemporanea viene svelato…e forse sciupato. Sempre ovviamente – e questo è davvero assai probabile – non si tratti di un tiro mancino del dj Goldie, la “ gola profonda ” che durante un’intervista radiofonica si sarebbe lasciato sfuggire la frase incriminata ” Non per mancare di rispetto a Robert, che è un grande artista…“.  

Il dj pronuncia il nome, Banksy , poi tace e cambia argomento, sembra essersi accorto della gaffe ma non riesce a rimediare, l’argomento trattato era la “mercificazione” dell’arte dello street artist di Bristol e il Robert in questione altro non poteva essere che il “guru” del gruppo Massive Attack, Robert Del Naja. D’altronde Del Naja, noto anche come 3D, oltre ad essere di Bristol è un amico di Goldie e assieme hanno lavorato come artisti graffiti negli stessi ambienti alla fine degli anni ’80.

Nulla di nuovo sotto il sole, già il giornalista Craig Williams a conclusione di un’indagine durata cinque mesi, l’anno scorso aveva concluso che Del Naja fosse dietro il graffitaro, ipotizzando anche che Banksy non fosse una persona singola ma piuttosto una squadra di artisti di strada, con Del Naja come capo. Del Naja negò prontamente, dicendo che gli sembrava “una buona storia ma purtroppo non è vera”.  Tuttavia i murales di Banksy sono spesso comparsi in luoghi dove i Massive Attack hanno suonato, da Melbourne (nel 2003) a San Francisco (nel 2010); inoltre Banksy è l’autore della prefazione del libro di Del Naja “ 3D and the Art of Massive Attack ”, pubblicato lo scorso anno.

Diciamo che queste prove Banksy = Del Naja, probabilmente in un tribunale non reggerebbero, anche se la testimonianza non si sa quanto involontaria del dj Goldie segnerebbe un bel punto a favore dell’ipotesi. Ma quanto è attendibile la testimonianza di qualcuno che ha bisogno di farsi pubblicità perché ha un disco in uscita?

No, Del Naja non è Banksy , e, anche se lo fosse, il vero mistero dell’artista incappucciato più famoso del mondo non sono nè il nome nè il volto,  ma la sua arte. La sua capacità di arrivare diritto al cuore, la sua tenera poesia, l’ironia, l’immediatezza alternate a quel senso di giustizia sociale del quale sono ormai rimasti in pochi a parlare.      


Le foto presenti su Stravizzi.com sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla nostra redazione italiana - indirizzo e-mail redazione@stravizzi.it, che provvederà prontamente alla loro rimozione .